Contenuto sponsorizzato

Il Trento in serie C riparte da Gementi e Parlato: ''Vorrebbero restare tutti e valutiamo i profili migliori. Aliu? Ragazzo sensibile, dobbiamo lasciarlo tranquillo''

Il presidente Mauro Giacca ha scelto la linea della continuità. Dopo l'arrivo di Werner Seeber, la società di via Sanseverino conferma il ds e l'allenatore: "Mi sono trovato molto bene, abbiamo raggiunto un traguardo storico”

Di Federico Holneider - 18 giugno 2021 - 14:02

TRENTO. Scelta la strada della continuità per il salto nella serie professionistica, una serie C attesa da 18 anni. Insieme al tecnico Carmine Parlato, riconfermato anche il direttore sportivo Attilio Gementi: "Tutti i giocatori vorrebbero rimanere, si è creato un grandissimo gruppo, ma sapremo di più dopo il 28 giugno".

 

“Avevamo detto che avremmo fatto in fretta e così è stato”, sottolinea il presidente Mauro Giacca che ha sciolto i nodi legati al futuro del mister Carmine Parlato e del ds Attilio Gementi. Alla fine, le tanto attese riconferme sono arrivate. L’allenatore che ha guidato il Trento a una storica promozione guiderà la squadra anche in serie C. Per il presidente ha prevalso la scelta della continuità dopo lo splendido lavoro svolto nella stagione appena conclusa.

La decisione di non stravolgere il progetto sarà, infatti, fondamentale per programmare nel migliore dei modi un’annata che il presidente si augura possa essere ricca di soddisfazioni. “Credo di essere addirittura più emozionato rispetto all’anno scorso – ammette il mister – mi sono trovato molto bene, abbiamo raggiunto un traguardo storico”.

 

 

Sotto l’aspetto tecnico il confronto con la società è già iniziato ma il ds ha chiesto pazienza: “Troppo presto per fare nomi”. Gementi non si sbilancia nemmeno sulle riconferme dei giocatori della rosa attuale. “Tutti vorrebbero rimanere, si è creato un grandissimo gruppo, ma sapremo di più dopo il 28 giugno”, ha tenuto a precisare. Conferme che arrivano anche dal mister su questo fronte: “Stiamo valutando i profili migliori ma non è mai semplice. Dopo l’ultima partita a Chions, al rompete le righe nessuno voleva andarsene, il gruppo è molto legato”.

 

 

La questione più calda del mercato è quella relativa al bomber Grasjan Aliu, capocannoniere della stagione passata nel girone C di serie D con 18 reti. Il ds ha espresso la volontà condivisa di continuare insieme ma ha voluto anche evidenziare che nella vita bisogna fare scelte razionali: “Se resterà? L’intenzione è quella ma ci sono anche altri aspetti, non solo economici. È un ragazzo sensibile, qualunque scelta faremo lasciamolo tranquillo”.

 

In serie C l’anno prossimo cambierà anche la composizione dei gironi. Il consiglio direttivo della lega pro ha infatti deciso di adottare un criterio di composizione orizzontale nord/centro/sud, che non convince però completamente il dg Werner Seeber: “Perdiamo piazze importanti come Cesena e Modena, ma resterà comunque competitivo”. Il dg si augura inoltre che il derby con la compagine altoatesina possa portare una scossa per il movimento calcistico territoriale. Scossa che arriverà anche dalle imminenti modifiche alla struttura organizzativa della società. Il presidente ha infatti anticipato che questi saranno i tasselli per costruire una realtà importante anche per i giovani.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Sport
05 agosto - 20:44
Un timoniere dal talento unico e cristallino, il velista si è confermato tra i migliori interpreti della disciplina e Tita non ha mai nascosto [...]
Politica
05 agosto - 20:53
Ennesima protesta No-vax in piazza a Trento, presenti anche i consiglieri di Fratelli d’Italia Demattè e Rossato: “Siamo qui per dire no [...]
Cronaca
05 agosto - 20:26
Trovati 33 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 36 guarigioni. Ci sono 11 pazienti in ospedale, di cui 1 persona in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato