Contenuto sponsorizzato

Trento agguanta il sogno playoff con una grande vittoria: le V nere soccombono in casa. PAGELLE

Quaranta minuti che decidono tutto, quaranta minuti di tensione che vedono i bianconeri scontrarsi contro le V nere di Bologna e trionfare per guadagnarsi un posto ai playoff. Decisiva la triade Browne-Maye-Williams, che da sola segna 62 dei 91 punti trentini, ben coadiuvata dal capitano e da un sorprendente Ladurner in difesa

Foto D.Montigiani
Di Mattia Sartori - 10 maggio 2021 - 22:58

TRENTO. Il destino della stagione si gioca tutto nella gara di stasera. La Dolomiti Energia è ormai l’unica contendente assieme a Cremona per l’ultimo posto ai playoff, ma con un match ancora da giocare i trentini partono con due punti in più dei lombardi. In caso di vittoria quindi Trento sarebbe sicuramente qualificata. In caso di sconfitta invece dipenderebbe dall’esito dello scontro tra la Vanoli e Milano, perché, se i cremonesi la spuntassero, sarebbero loro a guadagnarsi i playoff grazie al vantaggio negli scontri diretti. Dunque Trento punta a vincere la sfida contro Bologna, obiettivo non semplice dato che parliamo di una squadra in ballo per il secondo posto.

 

È un inizio molto equilibrato quello offerto dalla Virtus e dall’Aquila in cui entrambe le squadre si scambiano canestri da una parte e dall’altra del campo. Trento trova subito due dei suoi giocatori centrali in attacco, Williams e Browne, ma in difesa soffre un po’. Le V nere ne approfittano e alzano il ritmo della partita, lasciando indietro i trentini con un paio di contropiedi ben eseguiti. Un exploit di Maye dall’arco riaccorcia le distanze e innesca la reazione della Dolomiti Energia, che coi liberi di Sanders tocca la parità. Situazione che rimane quasi fino alla fine del quarto, quando i padroni di casa riescono a mettersi in testa prima del suono della sirena (25-21).

 

I primi minuti del secondo quarto non sorridono ai trentini, che fanno fatica a trovare il canestro mentre i bolognesi accelerano e toccano il +8. Si adagiano sugli allori però i ragazzi di Djordjevic e vengono puniti dalla Dolomiti Energia, che in tre azioni si riporta in parità. Maye si prende grandi responsabilità e viene ripagato, riuscendo a rilanciare i suoi davanti alle V nere con la complicità di Browne, che firma il +5. La difesa trentina ingrana una marcia totalmente diversa ed è questo a fare la differenza nello sforzo degli ospiti per tenere a bada la Virtus. Gli sforzi vengono premiati e Trento riesce a tornare negli spogliatoi avanti di 4 (41-45).

 

I trentini tornano in campo ancora carichi e vanno subito all’attacco, ritrovando Williams in area, un fattore che era più o meno mancato prima. La Virtus però si rivolge a Teodosic e Belinelli, che insieme riaccorciano le distanze. Entrambe le squadre, separate da un solo possesso, faticano a trovare il canestro, ma il ritorno del capitano in campo dà un po’ di respiro all’Aquila, che si porta a +6. Rispondono Teodosic e il Beli tirando fuori i compagni dal pantano e ritrovando la parità. Trento si riporta avanti e si tiene stretta il vantaggio fino alla fine del terzo quarto (62-65).

 

Due triple a inizio dell’ultimo quarto lanciano avanti la Virtus, ma Browne risponde dall’altra parte riconquistando il vantaggio per Trento. Continua ad attaccare la Segafredo, cercando di stancare i trentini che non possono contare su un roster altrettanto profondo. Gli ospiti però raccolgono la sfida e continuano a tenere botta, riuscendo addirittura a toccare il massimo vantaggio del +10 grazie a un paio di magie di Browne. A un minuto dalla fine si accende Teodosic per l’ultimo assalto ai trentini e minaccia di riaprire la partita. Trento però stringe i denti e tiene duro per portarla a casa. Come sempre gli sforzi dell’Aquila vengono ripagati e gli ospiti possono tornare a Trento non solo con una vittoria, ma anche con la qualificazione ai playoff (83-91).

 

MARTIN 6 – Si gioca abbastanza bene i primi due quarti con un solido contributo in difesa. Purtroppo un problema al piede gli impedisce di tornare in campo.

 

JOVANOVIC – N.E.

 

PASCOLO – N.E.

 

CONTI – N.E.

 

BROWNE 9 – Quando tira così non si può fare altro che stare zitti e godersi lo spettacolo. Browne oggi dà prova del proprio talento, prendendosi spesso la squadra sulle spalle e portandola oltre il traguardo con un’ottima prestazione a 360 gradi. Per lui 24 punti, 5 rimbalzi e 9 assist.

 

FORRAY 8 –Alle mani del capitano non ci si può sottrarre. Forray oggi mette tantissima pressione sulle V nere, uno degli elementi chiave che hanno svoltato la partita nel secondo quarto.

 

SANDERS 5,5 – Non la miglior partita per Sanders, che esita troppo spesso davanti a chiare occasioni.

 

MEZZANOTTE 5 – Oggi Molin gli ha dato spazio, ma non ha sfruttato bene quest’occasione. Dei suoi 9 minuti ci si ricorda ben poco.

 

MORGAN 5,5 – Anche il numero 20 non dà il meglio di sé. A parte per un paio di triple quasi non lo si vede nel corso della partita.

 

WILLIAMS 7,5 – Nei primi quarti si sente la sua mancanza soprattutto a rimbalzo. Dal terzo quarto però riprende il ritmo e si fa spazio sotto canestro, racimolando 20 punti e 8 rimbalzi.

 

LADURNER 7 – Forse la sua partita migliore. Ladurner oggi riesce veramente a fare la differenza, mettendo spesso in scacco l’attacco bolognese con un’ottima difesa.

 

MAYE 8 – Protagonista offensivo dei primi due quarti per Trento (75% da tre). Nella seconda metà è costretto a passare più tempo in panchina per problemi di falli, ma non inficia la sua performance in campo che continua ad essere ottima. Impressionante anche a rimbalzo, dove compensa l’iniziale assenza di Williams.

 

MOLIN 9 – Missione compiuta per Lele Molin. È stato messo al timone per risanare una stagione che sembrava quasi persa ed è riuscito a trascinare la squadra fino ai playoff. Non importa quel che succederà da questo momento in poi: il coach bianconero può ritenersi soddisfatto.

 

SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA - DOLOMITI ENERGIA TRENTINO  83-91

(25-21; 16-24; 21-20; 21-26)

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin 2, Jovanovic, Pascolo, Conti, Browne 24, Forray 9, Sanders 6, Mezzanotte, Morgan 8, Williams 20, Ladurner 2, Maye 18. Allenatore: Emanuele Molin.

SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA. Deri, Belinelli 22, Pajola 8, Alibegovic, Markovic, Ricci 3, Adams 3, Hunter 7, Nikolic, Teodosic 15, Gamble 13, Abass 12. Allenatore: Sasha Djordjevic.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 06:01
Il consigliere provinciale di Futura Paolo Zanella chiede chiarimenti in merito alle classi 'particolari' di indirizzo bilinguistico e musicale [...]
Cronaca
15 giugno - 07:47
E' successo nella tarda serata di ieri sulla Mebo, i vigili del fuoco sono intervenuti con le pinze idrauliche. La persona gravemente ferita dopo [...]
Cronaca
15 giugno - 07:28
Assalto a un mezzo portavalori sull'autostrada A1, nella sera del 14 giugno tra Modena e Bologna. Momenti di paura tra gli automobilisti, ci [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato