Contenuto sponsorizzato

Calcio serie C. Il Trento rimonta in extremis la Triestina: tre punti d'oro verso la salvezza. PAGELLE: Bocalon non brilla, Chinellato match-winner: ''Un gol che ho meritato''

Gara a senso unico a favore della Triestina che passa in vantaggio nel secondo tempo. La partita sembra indirizzata, ma il Trento trova la forza di rovesciare il risultato. Mister Carmine Parlato: "I meriti sono principalmente dei giocatori. Dedico le vittorie al presidente"

A sinistra Chinellato
Di Federico Holneider - 20 marzo 2022 - 17:13

TRENTO. Partita clamorosa al Briamasco tra Trento e Triestina. I gialloblù subiscono la rete di Guido Gomez al 65esimo dopo una prestazione a senso unico per i rosso-alabardati. I cambi sorridono al Trento, che in 4 minuti trova il pareggio con Chinellato (primo gol in stagione) e completa la rimonta al 90esimo con Pattarello. Punti importantissimi che danno ossigeno alla classifica in ottica salvezza in un momento di estrema difficoltà.

 

"Sono veramente contento per aver segnato un gol decisivo che ci ha dato la forza di vincere. Me lo merito perché è stato un anno duro per me, anche dopo le squalifiche. Entrambe le volte gli arbitri mi hanno chiesto scusa per gli errori gravissimi che hanno commesso nei miei confronti. Ho avuto anche poco spazio, ma sono un ragazzo che lavora e da sempre il massimo quando viene chiamato in causa. L’importante ora è raggiungere l’obiettivo finale che è troppo importante", spiega Chinellato, match-winner e alla prima rete in stagione, mentre Parlato commenta: "Ogni tanto azzecchiamo i cambi (ride, ndr). I meriti però sono principalmente dei miei giocatori, sono stati molto bravi. Non ho molto da dire, solo che abbiamo fatto tantissimo ma non abbiamo fatto ancora niente. Queste vittorie le dedico al mio presidente che si spende ogni giorno per la nostra società".

 

Mister Parlato opta per un 3-5–2 affidandosi a Marchegiani tra i pali, con Carini, Trainotti e Dionisi a formare il terzetto difensivo. A centrocampo schierati Caporali e Osuji da interni insieme a Bearzotti e Oddi sulla fasce. Belcastro agisce invece da trequartista alle spalle del tandem offensivo Bocalon - Barbuti. Torna ad accomodarsi in panchina Pasquato dopo il recente infortunio che lo ha tenuto ai box nelle scorse tre gare di campionato.

 

Il Trento parte subito benissimo con una clamorosa occasione dopo soli 50 secondi grazie all’ottima giocato di Caporali che trova Barbuti davanti alla porta, ma il suo controllo è impreciso e la palla viene spazzata.

 

Al minuto 7 Caporali perde una palla sanguinosa nella propria trequarti che per poco non manda in vantaggio gli ospiti: Marchegiani deve compiere una prodezza sul tiro a giro di Gomez. Occasione numero due per la Triestina, ma questa volta sugli sviluppi di un calcio di punizione: Gomez sferra una rasoiata terra-aria che si stampa sul palo alla destra di Marchegiani.

 

La Triestina non molla e torna a impensierire l’area gialloblù con Crimi che alza la palla per Trotta e il suo tiro per poco non trova il tap-in di un compagno grazie all’intervento provvidenziale di Trainotti. Primo tempo a senso unico, in cui la Triestina è andata ripetutamente vicina al gol del vantaggio.

 

Il secondo tempo riprende su ritmi più blandi rispetto a quelli della prima frazione. Al 53esimo rivede il campo Pasquato che entra al posto di Bocalon. Cinque minuti più tardi Galazzi, da calcio di punizione trova la bella risposta di Marchegiani. Parlato decide di inserire un altro attaccante e allora ecco che Pattarello prende il posto di Belcastro.

 

Al 65’ la Triestina passa in vantaggio grazie al cross di St Clair per Gomez che, di testa, anticipa Dionisi e porta in vantaggio i suoi. Il Trento non vuole assolutamente perdere e allora al 78’ i gialloblù operano un triplo cambio: Chinellato, Simonti e Vianni entrano rispettivamente per Barbuti, Oddi e Bearzotti.

 

I cambi portano il risultato sperato e sul cross di Dionisi un’indecisione difensiva regala il gol a Chinellato che, da solo davanti alla porta, la mette dentro a cinque minuti dalla fine. Al 90esimo succede del clamoroso: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il colpo di testa di Trainotti trova l’ottima risposta di Offredi, ma sulla ribattuta Pattarello segna il gol del raddoppio e regala una vittoria fondamentale al Trento sotto gli occhi del proprio pubblico.

 

LE PAGELLE

MARCHEGIANI 7: salva il risultato in svariate occasioni e arriva benissimo in uscita, difficile parare invece il tiro di Gomez da quella distanza.
ODDI 5.5: prova a replicare la buona prestazione di mercoledì ma esce scuotendo la testa (78’ SIMONTI s.v.)
CARINI 6: un paio di sbavature non macchiano una prestazione ampiamente sufficiente
TRAINOTTI 6.5: colpisce il pallone al 90esimo che da vita al gol del raddoppio.
DIONISI 6: sul gol della Triestina perde la marcatura, si fa perdonare con l’assist per Chinellato.
OSUJI 5.5: meno reattivo del solito, soffre l’uno contro uno e viene innervosito a più riprese dagli avversari.
CAPORALI 6: perde una palla sanguinosa nel primo tempo, ma aumenta i giri del motore nel secondo
BEARZOTTI 5: non trova mai il passaggio o un cross vincente per gli attaccanti, non quello che gli uomini di mercato gialloblù si aspettavano (78’ VIANNI 6)
BELCASTRO 5.5: meno ispirato delle precedenti uscite, lascia spazio al man of the match (59’ PATTARELLO 7.5: trova il gol forse più importante della stagione in un momento di estrema difficoltà per la squadra trentina).
BOCALON 5.5: non riceve palle “pulite” dalle retrovie e non ha modo di esprimere tutto il suo potenziale (53’ PASQUATO 7: entra e inventa, non è un caso che il Trento rimonti proprio dopo il suo ingresso in campo).
BARBUTI 6: riproposto dal primo minuto fa vedere cose buone e altre meno, ma manca il feeling con il gol (78’ CHINELLATO 7: dato ormai per elemento estraneo, entra e segna il gol del pareggio, il primo in stagione: meglio tardi che mai).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 giugno - 11:58
Lo scontro è stato molto violento, l’automobile è stata colpita su un fianco. Le conseguenze più gravi sono per il motociclista, disarcionato [...]
Montagna
26 giugno - 11:16
Attualmente F43 si trova in una zona compresa tra Campi (di Riva del Garda), Ville del Monte e il comune di Tenno, a pochi chilometri di [...]
Cronaca
26 giugno - 10:06
Dopo aver perso il controllo della moto a tre ruote le persone a bordo sono precipitate con il mezzo in un dirupo per una cinquantina di metri
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato