Contenuto sponsorizzato

Il Passo Buole è affare di Longo e Calvetti

Mountain Bike. Gli azzurri dominano la seconda edizione della manifestazione. I trentini Ivan Degasperi e Lorenza Menapace chiudono terzo e seconda le proprie gare

Flower Ceremony della Passo Boule Extreme (foto Nicer)
Pubblicato il - 19 settembre 2016 - 12:59

ALA. Gli azzurri Tony Longo e Serena Calvetti hanno dominato la seconda edizione della "Passo Buole Xtreme", granfondo di mountain bike lungo il tracciato di 43 chilometri e 1.790 metri di dislivello ricavato in gran parte su strade militari costruite dall'esercito italiano durante la Prima Guerra Mondiale organizzata dalla Società ciclistica Ala e i 200 volontari.

 

Tony Longo, già vincitore dell'edizione 2015, ha imposto un ritmo serrato fin dalle prime pedalate, chiudendo la gara in 1h59'18'' e togliendo ogni speranza a Michele Casagrande e al trentino Ivan Degasperi del Team Todesco, rispettivamente secondo e terzo nella classifica finale.

 

Nella gara femminile la fotografia delle premiazioni vede Serena Calvetti prima, seconda la trentina Lorenza Menapace, mentre Lorena Zocca completa il terzo gradino del podio. 

 

Classifica maschile

01. LONGO Tony (Asd Sc Prealpi) 01:59:18

02. CASAGRANDE Michele (Team Corratec-Keit) 02:05:17

03. DEGASPERI Ivan (Team Todesco) 02:12:57

04. LORENZETTI Mattia (Team Todesco) 02:13:16

05. OLIVA Vittorio (X-Team Carbonhubo) 02:14:24

06. GUERRI Gabriele (Gs Lagorai Bike) 02:18:03

07. MARTINI Andrea (Scott Racing Team) 02:18:11

08. GIRELLI Stefano (Team Todesco) 02:18:20

09. DALSASS Alessandro (Asd Team Corsetti) 02:18:24

10. ZERBINATO Claudio (Team Todesco) 02:18:30

 

Classifica femminile

01. CALVETTI Serena (Team Corratec-Keit) 02:38:09

02. MENAPACE Lorenza (Team Carpentari) 02:40:55

03.ZOCCA Lorena (Sc Barbieri) 02:47:24

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato