Contenuto sponsorizzato

Tommaso Donei è un fulmine, la cronometro della Charly Gaul parla trentino

Ciclismo. L'atleta del Bren Team Trento si è messo alle spalle il belga Filip Speybrouck e il francese Grégory Cassini. Carola Skarabela si aggiudica la prova femminile davanti a Olga Cappiello e Kerstin Brachtendorf. Domani spazio a 'La Moserissima' e alla gara a scatto fisso

Da sinistra Tommaso Donei e Carola Skarabela, vincitori della cronometro de 'La Leggendaria Charly Gaul' (foto Newspower)
Pubblicato il - 07 luglio 2017 - 22:19

CAVEDINE. La cronometro de 'La Leggendaria Charly Gaul', unica tappa italiana dell'Uci Granfondo World Series, parla trentino. Si gioca tutto sul filo dei centesimi e Tommaso Donei (00:36.23) oggi mette d'accordo il belga Filip Speybrouck (00:36:38) e al francese Grégory Cassini (00:36:47). Questo il risultato della prima sfida che apre il lungo week-end ciclistico targato Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e Asd Charly Gaul Internazionale

 

"L’obiettivo di giornata - spiega Donei, atleta della Val di Fiemme - era quello di arrivare a podio e la vittoria mi ha sorpreso. Ho un po' sofferto il gran caldo e la salita, ma sapevo che la differenza lungo questo percorso si faceva negli ultimi 5 chilometri, un falsopiano che da dove si scollina verso il traguardo".

 

Una vittoria 'in casa' per il corridore di Varena dopo 24 chilometri e 442 metri di dislivello disegnati intorno al lago di Cavedine: "E' la terza volta che gareggio in questa prova - aggiunge il portacolori del Brean Team Trento - è sempre bello venire qui e imporsi davanti a corridori così forti è speciale. Questo percorso così vario ti permette di fare salite, discese, e infatti c’è il dubbio se utilizzare una bicicletta da cronometro oppure una normale, ma la prima fa guadagnare molto nei tratti pianeggianti".

 

Nella gara in rosa è Carola Skarabela (0:43:33), dopo il terzo posto dell'anno scorso, a trionfare in questa cronometro giocata davvero all'ultima pedalata. La tedesca si mette alle spalle Olga Cappiello (0:43:37), atleta ‘longeva’ sempre in ottime condizioni fisiche, e Kerstin Brachtendorf (0:43:42).

 

A premiare i più veloci contro il tempo, oltre al 'falco' Paolo Savoldelli (vincitore del Giro d'Italia nel 2002 e nel 2005) e alla padrona di casa Elda Verones, presidente della macchina organizzativa, anche Renato Di Rocco, presidente della Federazione ciclistica italiana.

 

Domani a partire dalle 8.30 torna invece in auge il ciclismo d’epoca: 'La Moserissima', unica tappa ciclostorica del Trentino Alto Adige inserita nel calendario del Giro d’Italia d’Epoca.

 

Al via (partenza e arrivo in piazza Duomo) numerosi ospiti di prestigio, a cominciare da Beppe Saronni, l’eterno rivale di Francesco Moser, ma anche Renato Laghi, Simone Fraccaro, Palmiro Masciarelli, Filippo Pozzato, Imerio Lucchini, Imerio Massignan, Roberto Poggiali, Claudio Torelli, Luciano Armani e Stefano Giuliani.

 

La ciclostorica è dedicata alla famiglia Moser presente in forze da Carlo a Ignazio, da FrancescaAntonio Moser e Francesco Revolti. Una grande festa vintage non competitiva lungo i percorsi di 94 chilometri e 943 metri di dislivello e 57 chilometri e 590 metri di dislivello. 

 

L'agenda degli appuntamenti è però fitta: in serata è prevista la Tridentum Crit, gara a scatto fisso tra le strade del centro storico. Domenica invece la gara regina: 'La Leggendaria Charly Gaul' (Qui info e iscrizioni).

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 20:08

Sono 211 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 38 pazienti sono in terapia intensiva. Oggi 1 decesso. Sono 87 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

26 febbraio - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

26 febbraio - 18:02

Adesso si parte con la fase successiva. Il virologo del Cibio, Massimo Pizzato: "La prossima settimana prevediamo di proseguire con lo studio. Un migliaio di analisi in parallelo ai tamponi molecolari per verificare la sensibilità dei test salivari. Poi si parte a regime, questo step dovrebbe iniziare a metà marzo"

 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato