Contenuto sponsorizzato

Tour de force Diatec al PalaTrento, domani Latina e sabato Perugia

Volley. La squadra, appena rientrata dal Brasile, affronta giovedì 27 Latina e sabato 29 Perugia. Lorenzetti: "Non è il momento giusto per cercare alibi"

L'attacco di Antonov (foto Marco Trabalza)
Pubblicato il - 26 ottobre 2016 - 19:42

TRENTO. Un inizio di stagione davvero denso per la Trentino Volley. Neppure il tempo di archiviare il bronzo al Mondiale per Club che la società di via Trener scende subito in campo giovedì 27 alle 20.30 al PalaTrento per recuperare il match della quarta giornata di regular season contro la Top Volley Latina (diretta Rai Sport 1 e Radio Dolomiti).

 

Le incognite non mancano e il compito non sarà semplice, tenendo conto che per preparare l’appuntamento la squadra ha avuto solo la giornata di mercoledì e poche ore di riposo dopo il rientro dal Brasile. La gara contro Latina sarà, inoltre, solo la prima di due gare previste nell'impianto di via Fersina nel giro di 46 ore: sabato alle 18.15 è infatti programmato anche il big match con Perugia.

“Non è il momento giusto per cercare alibi – ha affermato l’allenatore Angelo Lorenzetti - non abbiamo tempo per lavorare in palestra e vorrà dire che, già a partire dal match che affronteremo domani contro Latina, giocheremo al meglio delle nostre capacità attuali, mettendo in campo quello che abbiamo costruito sin qui. In un momento così ricco di impegni è bene guardare solo una partita per volta, senza perdere di vista l’obiettivo di vincere. Sono convinto che possiamo farcela”.

Il tecnico marchigiano potrà contare su tutti i quattordici effettivi della rosa a propria disposizione e deciderà solo all'ultimo quale tipo di starting six proporre in campo

 

Dalla altra parte della rete si presenta il fanalino di coda in cerca della prima soddisfazione in questa SuperLega per provare a cambiare marcia: l'avvio del nuovo corso affidato all'ex allenatore della Nazionale Venezuelana Vincenzo Nacci non ha ancora offerto alla Top Volley Latina un po' per via del difficile calendario e un po' per via dell’amalgama ancora da trovare per un sestetto titolare rinnovato per quattro settimi rispetto alla scorsa stagione.

 

I pontini si affideranno principalmente all'opposto Fei e allo schiacciatore Maruotti, giocatori che il palleggiatore Sottile cerca più frequentemente in attacco. Assieme al centrale Rossi, rappresentano l’anima italiana della formazione, che conta anche sull’alternanza in posto 4 fra Penchev e Klinkenberg e su quella in posto 3 tra il cubano Quintana e l’ex Calzedonia Gitto. 

 

In archivio Trentino Volley e Top Volley Latina hanno una lunga serie di incontri ufficiali; il totale parla di 32 gare, con bilancio in attivo per Trento di 24-8. La Società di via Trener ha inoltre vinto dodici degli ultimi tredici precedenti, ma l’unica vittoria dei pontini è proprio riferita ad un match disputato al PalaTrento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato