Contenuto sponsorizzato
Attualità

Pista da bob: SIMICO conferma che il taglio dei larici interesserà 2 ettari. Ma i conti in metri cubi continuano a non tornare

Simico avrebbe confermato la superficie oggetto di taglio, circa 2 ettari, senza tuttavia chiarire l’incongruenza da noi sollevata negli scorsi giorni: su quella superficie non possono vegetare 2.200 metri cubi, il volume legnoso che è stato assegnato al taglio alla ditta coinvolta nei lavori

Di Luigi Torreggiani | 29 febbraio | 11:01
Questo articolo si rispecchia nei nove punti del Manifesto,
di cui il Comitato scientifico dell’AltraMontagna è garante.

Apprendiamo da un articolo pubblicato oggi sul Corriere delle Alpi, che SIMICO - la Società che realizzerà le infrastrutture per le Olimpiadi Milano Cortina 2026 - avrebbe depositato in Prefettura il censimento degli alberi da abbattere per la costruzione del nuovo “Sliding Centre” di Cortina, la contestata pista da bob che sorgerà nel mezzo del “bosco di Ronco”.

 

Secondo l’articolo, la Società avrebbe confermato la superficie oggetto di taglio: circa 2 ettari.

 

Ma la stessa SIMICO non ha minimamente chiarito l’incongruenza da noi sollevata negli scorsi giorni: su quella superficie non possono vegetare 2.200 metri cubi, il volume legnoso che è stato assegnato al taglio alla ditta coinvolta nei lavori.

 

Delle due l’una: se SIMICO conferma la superficie, su cui presumibilmente vegetano circa 500 alberi e, al massimo, 800 metri cubi, come mai la ditta sarà pagata per tagliare quasi il triplo del volume?

 

Si tratta di un errore? Oppure ci sono altri alberi da tagliare per la realizzazione dello Sliding Centre?

 

Vista la valenza ambientale, ma soprattutto paesaggistica, culturale e sociale di quel bosco, il Comune di Cortina e SIMICO dovrebbero chiarire anche questo punto, spiegando inoltre perché, come si evince da un esposto ai Carabinieri Forestali della consigliera regionale Cristina Guarda, sarebbero stati tagliati larici anche nelle zone che nel progetto erano previste come aree di “mantenimento delle alberature”.

 

Chiediamo risposte, chiediamo la massima trasparenza. 

SOSTIENICI CON
UNA DONAZIONE
recenti
Cultura
| 22 aprile | 18:00
Venendo perlopiù da altrove, queste donne si sono fermate ad Anversa degli Abruzzi per recuperare e reinventare una vita da "Donne Rurali". L’associazione nasce per organizzare e sostenere attività realizzate da donne che mettano al centro il rurale inteso come stile di vita, modello economico e sociale, puntando su pratiche di vita e lavoro sostenibili che si ispirano al buen vivir sudamericano. L’iniziativa di lancio è stata una raccolta di erbe spontanee invernali per recuperare memoria, gesti e sapienze legate alle erbe
Ambiente
| 22 aprile | 15:05
"L’Italia cambi la sua posizione e sostenga la Nature Restoration Law, la legge sul ripristino della natura in grado di rigenerare la biodiversità, mettere in sicurezza il territorio, contribuire alla soluzione della crisi climatica e a un futuro più sostenibile per economia e società". Ben 31 associazioni hanno firmato l'appello rivolto alla Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e al Ministro dell'Ambiente Pichetto Fratin sul tema del supporto alla Nature Restoration Law
Attualità
| 22 aprile | 13:37
L'ex campione di sci ha raccontato di essere molto felice della pista da bob di Cortina (d'altronde il fratello è il proprietario della ditta che ha realizzato l'esbosco dell'area per realizzare i cantieri e l'opera) ma ha anche concluso: ''Adesso la si fa e di questo sono davvero fiero e orgoglioso. E speriamo siano bravi a fare le strutture, non delle cattedrali del deserto ma che vengano utilizzate anche dopo''
Contenuto sponsorizzato