Contenuto sponsorizzato

M49-Papillon continua la fuga, è nel Vanoi. Predato un ''torello'' mentre continuano i tentativi di cattura

L'orso ha ferito una vacca nella zona di Malga Valsolero e poi si è spostato verso Caoria. Siamo in pieno autunno e tra non molto inizierà la fase dell'iperfagia: l'orso deve farsi buone riserve di grasso per superare l'inverno e cercherà di mangiare il più possibile: soprattutto insetti e frutta ma anche animali selvatici o domestici qualora se ne presenti l'occasione

Pubblicato il - 11 ottobre 2019 - 17:34

CANAL SAN BOVO. Ha predato un torello nella zona del Vanoi sopra Caoria e a quanto risulta la Provincia starebbe anche ricercando di catturarlo ricorrendo alle trappole tubo. M49-Papillon continua la sua fuga e piano piano, si è spostato nelle zone sempre meno antropizzate passando prima dalla Val di Cembra, poi gravitando nella zona della Val di Fiemme a cavallo con il confine altoatesino, poi nel Lagorai e ora nel Vanoi.

 

Qualche giorno fa una mucca era rimasta ferita nella zona di Malga Valsolero ed era stato accertato che i segni riportati sulla schiena dall'animale erano riconducibili a un orso. Poi la predazione di un piccolo toro vicino ad una delle malghe verso Cima Socede. Niente di straordinario, ovviamente, si trattava di animali non difesi, anche perché nella zona con gli orsi non dovevano farci i conti prima che la Provincia si facesse scappare M49 dal Casteller, dopo averlo catturato in Val Rendena, dall'altra parte del Trentino.

 

M49, dunque, sta facendo quello che farebbe un qualsiasi orso. Ci troviamo, tra l'altro, in autunno e con l'avvicinarsi dell'inverno i plantigradi nelle fasi che precedono il letargo hanno la cosiddetta “iperfagia”. Devono fare scorta di grasso che gli permetterà di superare l'inverno e quindi si trovano in una fase di alimentazione frenetica durante la quale mangiano insetti, frutta e, all'occorrenza, se se ne presenta l'occasione, anche qualche animale selvatico o domestico

 

Negli scorsi giorni agricoltori e allevatori della zona sono stati allertati dai forestali di prestare maggiore attenzione e intanto sembra che siano state riposizionate anche le trappole tubo per riprovare a catturare Papillon. D'altronde il ''mandato di cattura'' è sempre operativo e a tre mesi di distanza dalla grande fuga continua a valere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 19:22

L'allerta è scattata alle 16.30 di oggi lungo la strada statale 237 all'altezza del centro abitato di Ponte Arche. In azione la macchina dei soccorsi tra ambulanze, elicottero, vigili del fuoco di Lomaso e polizia delle Giudicarie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato