Contenuto sponsorizzato

M49-Papillon continua la fuga, è nel Vanoi. Predato un ''torello'' mentre continuano i tentativi di cattura

L'orso ha ferito una vacca nella zona di Malga Valsolero e poi si è spostato verso Caoria. Siamo in pieno autunno e tra non molto inizierà la fase dell'iperfagia: l'orso deve farsi buone riserve di grasso per superare l'inverno e cercherà di mangiare il più possibile: soprattutto insetti e frutta ma anche animali selvatici o domestici qualora se ne presenti l'occasione

Pubblicato il - 11 ottobre 2019 - 17:34

CANAL SAN BOVO. Ha predato un torello nella zona del Vanoi sopra Caoria e a quanto risulta la Provincia starebbe anche ricercando di catturarlo ricorrendo alle trappole tubo. M49-Papillon continua la sua fuga e piano piano, si è spostato nelle zone sempre meno antropizzate passando prima dalla Val di Cembra, poi gravitando nella zona della Val di Fiemme a cavallo con il confine altoatesino, poi nel Lagorai e ora nel Vanoi.

 

Qualche giorno fa una mucca era rimasta ferita nella zona di Malga Valsolero ed era stato accertato che i segni riportati sulla schiena dall'animale erano riconducibili a un orso. Poi la predazione di un piccolo toro vicino ad una delle malghe verso Cima Socede. Niente di straordinario, ovviamente, si trattava di animali non difesi, anche perché nella zona con gli orsi non dovevano farci i conti prima che la Provincia si facesse scappare M49 dal Casteller, dopo averlo catturato in Val Rendena, dall'altra parte del Trentino.

 

M49, dunque, sta facendo quello che farebbe un qualsiasi orso. Ci troviamo, tra l'altro, in autunno e con l'avvicinarsi dell'inverno i plantigradi nelle fasi che precedono il letargo hanno la cosiddetta “iperfagia”. Devono fare scorta di grasso che gli permetterà di superare l'inverno e quindi si trovano in una fase di alimentazione frenetica durante la quale mangiano insetti, frutta e, all'occorrenza, se se ne presenta l'occasione, anche qualche animale selvatico o domestico

 

Negli scorsi giorni agricoltori e allevatori della zona sono stati allertati dai forestali di prestare maggiore attenzione e intanto sembra che siano state riposizionate anche le trappole tubo per riprovare a catturare Papillon. D'altronde il ''mandato di cattura'' è sempre operativo e a tre mesi di distanza dalla grande fuga continua a valere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato