Contenuto sponsorizzato

Un intero branco di lupi, 3 adulti e 3 cuccioli, ripreso (VIDEO) stamattina sull’Altopiano della Vigolana

Immagini inedite che ritraggono un gruppo di sei lupi nella zona dell’Altopiano della Vigolana, non si sa ancora se si tratti o meno di un nuovo branco. I forestali sono alla ricerca di tracce biologiche per saperne di più

Di Tiziano Grottolo - 22 dicembre 2019 - 19:30

ALTOPIANO DELLA VIGOLANA. La notizia risale a qualche settimana fa: i forestali avevano rilevato verso fine novembre la presenza di uno, forse due, esemplari di lupo nella zona della Marzola meridionale, l’avvistamento più vicino alla città di Trento mai registrato (QUI articolo).

 

Ora però, a conferma del fatto che questi grandi carnivori non attendono le leggi ma soprattutto a dimostrazione dell’elevata mobilità dei lupi (ad esempio il branco della Val di Fassa si è spostato fino in Val Badia) alcuni esemplari sono stati ripresi nella zona dell’Altopiano della Vigolana.

 

Le immagini, inedite, sono state registrate proprio questa mattina da Christian Micheloni attivo collaboratore del noto gruppo Facebook "Fiemme e Fassa il ritorno del Lupo": nel video si vedono in totale sei esemplari che cammino sulla neve.

 

C’è la coppia alfa, la femmina è proprio in testa al gruppo, dopodiché c’è un altro adulto, il così detto “helper” che all’interno del branco ricopre il ruolo di gregario, ma soprattutto ci sono ben tre cuccioli. Le immagini riprese da Micheloni sono davvero incredibili dal momento che si tratta di animali estremamente elusivi, benché rappresentino delle “prede ambite” per ogni appassionato di fotografia.

 

I forestali sono già stati messi al corrente dell’avvistamento e nei prossimi giorni usciranno sul territorio per cercare di trovare tracce biologiche del branco, indispensabili per scoprire se si tratti di un gruppo arrivato fin qui da un'altra zona, oppure se sia a tutti gli effetti un nuovo branco. Al momento entrambe le ipotesi restano valide.

 

Con ogni probabilità il branco è arrivato sull’Altopiano della Vigolana in cerca di prede, infatti in questa zona ci sono molti cinghiali, tra le vittime preferite dei canidi. La coppia alfa era già stata fotografata in zona durante la scorsa primavera, sempre da Micheloni.

 

Questo incontro rappresenta un’ulteriore prova di quanto questi animali stiano entrando a far parte dell’ecosistema trentino: “I lupi occupano territori molto vasti che posso raggiungere anche i 250 chilometri quadrati – spiega l’esperto Paolo Scarian – inoltre possono arrivare a coprire lunghe distanze quando sono in cerca di cibo”.   

 

Il Rapporto grandi carnivori del 2018, per quanto riguarda il Trentino, parla di sette branchi (o gruppi familiari) i cui home range, nel corso dello stesso anno, hanno interessato il territorio provinciale. Mentre la presenza di altri esemplari di lupo è stata documentata durante il 2018, con maggiore o minore regolarità soprattutto nelle valli di Peio e Rabbi, nell’area del monte Bondone, del Lagorai, del passo Tonale e mella zona della Vigolana appunto. In attesa del nuovo Rapporto che riguarderà il 2019 resta da capire se i branchi attivi sul territorio provinciale siano aumentati o meno.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato