Contenuto sponsorizzato

Agevolazioni ai proprietari di boschi per la rimozione del legname schiantato e la riforestazione: premi da 9 a 16,50 euro per metro cubo

La Provincia di Bolzano intende sostenere i proprietari di boschi interessati da danni per schianto negli interventi di rimozione del legname e in quelli di riforestazione. Tra questi vi sono i proprietari delle foreste devastate dalla tempesta epocale di Vaia, che in Alto Adige  aveva provocatola caduta di 1,5 milioni di metri cubi di legname

Pubblicato il - 09 settembre 2020 - 13:14

BOLZANO. La Provincia intende sostenere i proprietari di boschi interessati da danni per schianto negli interventi di rimozione del legname e in quelli di riforestazione. Tra questi vi sono i proprietari delle foreste devastate dalla tempesta epocale di Vaia di fine ottobre 2018, che aveva provocato in Alto Adige la caduta di 1,5 milioni di metri cubi di legname. 6.000 gli ettari di bosco compromessi, ovvero l'1,7% dell'intera superficie boschiva altoatesina che per il 45% è connotata da foreste, oltre 2.000 i proprietari di bosco interessati, nella gran parte dei comuni dell'Alto Adige. Inoltre, nel novembre 2019, causa la pressione della neve, si è aggiunto lo schianto di altri 900.000 metri cubi di legname.

 

La Giunta provinciale oggi (8 settembre), su proposta dell'assessore all'agricoltura e foreste, ha approvato criteri per la concessione di agevolazioni per interventi volti ad accrescere il valore economico, sociale ed ecologico delle foreste. Tramite le agevolazioni la Provincia intende contribuire all’attività di preservazione e protezione dei boschi in tutte le loro funzioni e alla loro gestione.

 

L'importanza economica ed ecologica dei boschi e la loro funzione di protezione per l'ecosistema e per le risorse idriche soprattutto in tempi di cambiamento climatico è stata ricordata dal presidente della Provincia. "Con la decisione odierna abbiamo creato i presupposti affinché si possa procedere alla liquidazione dei sostegni economici ai proprietari boschivi", ha detto il presidente sottolineando il danno economico rilevante subito anche al notevole abbassamento del prezzo del legno.  

 

Possono beneficiare di questi incentivi sia persone fisiche che giuridiche iscritte all'anagrafe provinciale delle imprese agricole (Apia) in possesso di superfici boscate.  In particolare, viene incentivata la rimozione del legname di piante morte, in deperimento o danneggiate sia per avversità metereologiche, quali vento e neve, o a causa di parassiti e di malattie delle piante.

 

"Queste condizioni, infatti, possono rappresentare un rischio per l’efficienza ecologica degli ecosistemi forestali" fa presente l'assessore competente. Inoltre, vengono sostenuti gli investimenti selvicolturali, quali interventi di riforestazione e di sfoltimento e diradamento, cure colturali e attività di rivitalizzazione vegetativa in boschi cedui invecchiati e/o abbandonati. Per ottenere i premi incentivanti i lavori devono riferirsi ad una superficie boscata di almeno un ettaro.

 

Il premio è costituito dalla maggiore spesa sostenuta dai proprietari boschivi per la rimozione del legname in condizioni gravose, che implicano costi mediamente più alti. L'importo del premio varia da 9 a 16,50 euro a metro cubo a seconda del mezzo impiegato, dal verricello o trattore al cavallo, dalla teleferica all'elicottero.

 

La domanda deve essere redatta sui moduli predisposti dall’Amministrazione provinciale e presentata alla Stazione forestale competente. Possono presentare domanda di contributo sia i proprietari dei boschi che hanno già concluso i lavori di rimozione del legname, sia quelli che sono ancora impegnati nelle operazioni. Le richieste dovranno comunque essere presentate entro il 31 dicembre 2020.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato