Contenuto sponsorizzato

Batteri fecali: tre spiagge del Lago di Garda sono inquinate (due da bollino rosso). I risultati della ricerca di Legambiente

La Goletta dei Laghi ha campionato 11 località lacustri sulle sponde bresciane e veronesi e questi sono i risultati  

Di Luca Pianesi - 29 luglio 2020 - 12:01

GARDA. Su 11 punti prelievo 3 lidi risultano inquinati (due fortemente inquinati e uno da ''bollino giallo''). E' questo il responso della Goletta dei Laghi di Legambiente che è tornata ad analizzare anche le acque del Lago di Garda e in particolare le sponde bresciane e veronesi. E così Spiaggia Le Rive a Salò e le acque di Padenghe nei pressi del Porto sono state segnalate da ''bollino rosso'' - fortemente inquinate e quindi con valori che superano del doppio i livelli normativi per quanto riguarda il contenuto di Enterococchi Intestinali (maggiori di 1000 UFC/100ml) e Escherichia Coli (maggiore di 2000 UFC/100ml).

 

Sull'altro lato del lago, invece, il bollino è ''giallo'' all'altezza della foce del Torrente Gusa, nel Comune di Garda, l’anno scorso nei limiti di legge. In questo caso le acque sono definite ''inquinate'' e quindi con almeno uno dei due parametri che supera il valore limite previsto dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010). 

 

 

Versante veneto

 

Sono stati sei i punti monitorati dalla Goletta dei Laghi nelle acque del Lago di Garda e sottoposti ad analisi microbiologiche. Uno è stato giudicato come “inquinato”. Nel mirino ci sono sempre canali e foci, i principali veicoli con cui l’inquinamento microbiologico, causato da cattiva depurazione o scarichi illegali, arriva nei laghi. È questa, in sintesi, la fotografia scattata nella seconda tappa Veneta lungo le sponde del Lago di Garda da un team di tecnici e volontari di Goletta dei Laghi, la campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute dei bacini lacustri italiani.

 

Negli ultimi due anni i punti monitorati di Legambiente sulle sponde venete del Garda avevano dato tutti dei buoni risultati a fronte di una criticità diffusa negli anni precedenti al 2018. “Torna ad essere sorvegliato speciale il Torrente Gusa, che lo scorso anno a sorpresa era risultato essere entro i limiti di legge dopo 10 anni in cui le acque si presentavano inquinate o fortemente inquinate - spiega Chiara Martinelli, presidente di Legambiente Verona -. Bene gli altri punti, anche se in alcuni casi i limiti di legge per le unità formanti colonia di Escherichia Coli presenti, sono al limite”.

 

 

 

Versante lombardo

 

Su 5 punti campionati, 2 risultano fortemente inquinati: a Salò presso la località Le Rive e a Padenghe nei pressi del Porto. Gli altri tre sono risultati entro i limiti. “Ancora una volta i dati delle analisi di Goletta dei Laghi ci riconsegnano un quadro di criticità di cui tenere conto se vogliamo che tutte le acque che entrano nel lago sia di buona qualità – dichiarano Paolo Bonsignori e Cristina Milani del circolo Legambiente per il Garda di Sirmione –. Sappiamo che è urgente mettere mano alla situazione di Salò e Desenzano dove gli sfioratori di piena sono spesso i veri imputati dell’immissione di acque non trattate nel lago. Per Padenghe, invece, permane una situazione di stallo. Oramai da 10 anni quel punto risulta fuori dai limiti. L’aggravante è che, quest’anno, risulta ricompreso in un’area balneabile”.

 

 

PROV.COMUNELOCALITÀPUNTO2020
BSMONIGA LAGO ALLA FINE DI
 

VIA DEI LINER

ENTRO I LIMITI
BSSALÒLE RIVEFOCE CANALE NEI PRESSI DELLA SPIAGGIAFORTEMENTE 
 

INQUINATO

BSPADENGHE 
 

SUL GARDA

PORTOFOCE TORRENTE
 

NEI PRESSI DEL PORTO

FORTEMENTE 
 

INQUINATO

BSDESENZANO DEL GARDA SCARICO PRESSO 
 

SPIAGGIA D’ORO

ENTRO I LIMITI
BSDESENZANO DEL GARDA SCARICO A SUD
 

DELLA LEGA

NAVALE (LAGO)

ENTRO I LIMITI

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 agosto - 05:01

La Giunta ha eseguito quanto previsto dal Governo Conte per ''risarcire'' coloro che avevano abbonamenti al servizio pubblico e non li hanno utilizzati per via dell'interruzione anticipata dovuta al Covid. Le modalità di ristoro sono differenziate per categorie di utenti (ecco i dettagli per le diverse classi di studenti e per i privati). Cgil, Cisl e Uil: ''Al di là delle buone intenzioni del governo nazionale sarebbe stato opportuno, però, che Roma finanziasse questa misura con risorse adeguate''

07 agosto - 16:27

Una delle conseguenze del lockdown è stato l'inevitabile allungamento dei tempi delle liste di attesa, in particolare per quelle prestazioni per le quali non è stato possibile ricorrere alla telemedicina. Oggi la Giunta provinciale ha dato mandato all'Apss di coinvolgere e responsabilizzare le strutture private accreditate e convenzionate con il servizio sanitario provinciale per contenere i tempi massimi di attesa delle visite

07 agosto - 17:43

Il Trentino sale a 5.614 casi e resta a 470 decessi da inizio epidemia. Sono 5 i pazienti con Covid-19 nel reparto di malattie infettive. Sono stati analizzati nelle ultime 24 ore 1.252 tamponi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato