Contenuto sponsorizzato

Il Coronavirus spinge alla svolta “green” 1 italiano su 4. Coldiretti: “Consumare made in Trentino per sostenere le nostre imprese e diminuire l’impatto ambientale”

Il 59% degli italiani ritiene che siano necessari interventi radicali e urgentissimi per contrastare i cambiamenti climatici. Barbacovi: “Anche le imprese agricole del Trentino-Alto Adige devono affrontare una nuova sfida nell’interpretare le novità segnalate dalla meteorologia e gli effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque e sulla sicurezza del territorio”

Di T.G. - 09 ottobre 2020 - 11:17

TRENTO. La pandemia ha spinto gli italiani verso una svolta “green”, parola di Coldiretti che ha condotto un’indagine in collaborazione con l’istituto Ixè. Nel Belpaese 1 cittadino su 4 (circa il 27%) ha scelto di modificare i propri comportamenti, adottando pratiche più sostenibili rispetto a prima del Covid. Si va dall’acquisto di prodotti a minor impatto ambientale al taglio degli sprechi, dall’interesse per le energie rinnovabili al riciclo, dalla sharing economy alla mobilità sostenibile, sono molti i segnali che indicano una crescente attenzione alla riduzione del consumo delle risorse del pianeta.

 

Secondo l’indagine, per migliorare la situazione ambientale, il 59% degli italiani ritiene che siano necessari interventi radicali e urgentissimi sullo stile di vita. “Se poi si guarda alle scelte che ognuno è disposto a fare per tutelare l’ambiente – evidenzia la Coldiretti – esiste una schiacciante maggioranza del 72% che sarebbe disposta a ridurre gli spostamenti in auto, scooter e motocicletta mentre più di 8 su 10 (82%) preferisce prodotti Made in Italy per sostenere l’economia e l’occupazione”.

 

Per Gianluca Barbacovi, presidente di Coldiretti Trentino-Alto Adige: “Consumare prodotti Made in Trentino significa non soltanto sostenere la nostra economia locale ma anche contribuire a diminuire l’impatto ambientale. Coldiretti promuove da sempre una sensibilizzazione a consumare cibi sani, prodotti dalle nostre aziende agricole. L’agricoltura inoltre è un settore impegnato in prima linea nel contrastare le conseguenze dei cambiamenti climatici. Anche le imprese agricole del Trentino-Alto Adige devono affrontare una nuova sfida nell’interpretare le novità segnalate dalla meteorologia e gli effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque e sulla sicurezza del territorio”.

 

Nel frattempo le scelte a tavola incidono sui consumi: gli alimenti biologici raggiungono la cifra record di 3,3 miliardi per effetto di una crescita del 4,4%. Una domanda supportata sul piano produttivo con l’Italia che nel 2019 è il primo Paese europeo per numero di aziende agricole impegnate nel biologico dove sono saliti a oltre 80mila gli operatori coinvolti (+2%) mentre anche le superfici coltivate a biologico sono arrivate a sfiorare i 2 milioni di ettari (+2%)

 

Insieme al biologico a crescere – continua la Coldiretti – è l’acquisto di prodotti locali a chilometri zero con più di 8 su 10 (82%) che preferiscono prodotti Made in Italy per sostenere l’economia, l’occupazione e valorizzare le risorse del territorio durante l’emergenza Covid”. Il lockdown ha infatti stimolato molte imprese agricole a individuare nuove soluzioni per superare le difficoltà logistiche e organizzative dei canali consueti orientandosi verso la vendita diretta che ha visto crescere il proprio fatturato oltre i 6,5 miliardi nel 2020 secondo l’Ismea. Un risultato reso possibile dal fatto che l’Italia è l’unico Paese al mondo che può contare su una unica rete organizzata di farmers market che mette a disposizione delle famiglie circa 1.200 mercati contadini a livello nazionale sia all’aperto che al chiuso “con una varietà di prodotti che – spiega la Coldiretti – vanno dalla frutta alla verdura di stagione, dal pesce alla carne, dall’olio al vino, dal pane alla pizza, dai formaggi fino ai fiori”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

20 ottobre - 11:57

Il bollettino Coronavirus dell'Azienda sanitaria altoatesina conta oggi ben 209 casi in più. Un numero altissimo, mai registrato in 24 ore. Il tasso contagi/tamponi schizza così all'11,5%, con un bilancio provvisorio che cresce e supera i 5000 contagiati da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato