Contenuto sponsorizzato

"La spesa negli orti", con i giovani tra i campi per portare a casa i prodotti coltivati a chilometro zero

Volontari e volontarie dell'associazione Selva Green porteranno, fino a settembre, visitatori e abitanti alla scoperta del territorio di Grigno e di Selva e daranno loro la possibilità di portare a casa i prodotti coltivati nei pressi della Riserva Naturale Fontanazzo

Di Rebecca Franzin - 31 luglio 2020 - 19:45

GRIGNO. Per contrastare il progressivo spopolamento che da trent'anni affligge i piccoli paesi, causando la chiusura di attività economico-commerciali, nella frazione di Selva di Grigno è nata l'associazione culturale Selva Green. Il comune di Grigno, situato al confine con il Veneto in Valsugana Orientale, conta 2.000 abitanti e 11 frazioni. L'obiettivo dell'associazione è lo sviluppo del territorio e della comunità, combinando sostenibilità ed autenticità, per dare nuova vita alla località e coinvolgere i giovani nella forte pratica agricola della zona, anche tramite la creazione di un'academy.

 

"Vuol dire creare un luogo di pensiero e di azione in cui si incontrano artigiani, agricoltori, cittadinanza attiva per pensare e costruire dal basso il territorio e la comunità che saremo - spiega Stefano Marighetti, Presidente di Selva Green -. Le basi dell'academy ci sono e la spesa negli orti è un primo frutto. Grazie al bando Generazioni possono essere sperimentate varie attività pensate dell'Academy".

 

Nella frazione di Selva di Grigno si pratica da secoli una coltivazione tradizionale e famigliare, rispettosa dell'ambiente e dei ritmi della natura, ed è questo che i volontari di Selva Green vogliono mettere in risalto. La promozione del territorio si accompagna quindi alla valorizzazione dell'agricoltura e di un'alimentazione sana e sostenibile. "Diminuire gli sprechi alimentari è un augurio e potrebbe essere stimolato dall'attività della spesa negli orti" aggiunge inoltre Marighetti. 

 

In maggio l'associazione ha partecipato al bando Generazioni 2020 presentando il progetto "N.VI.A.TE: una comunità in cammino"; oltre ad essere l'acronimo di "Nuova Vita Al Territorio", la parola in dialetto significa "avvìati", ottimo incoraggiamento ed auspicio per questo progetto che indica anche un attaccamento al territorio dal punto di vista linguistico. "Tutto il progetto a più ampio respiro - completa Marighetti - è stato scritto da una dozzina di persone in un percorso partecipato durato da novembre 2019 a maggio 2020. Al progetto "La spesa negli orti" collaborano cinque famiglie, con due referenti che portano i visitatori in maniera alternata tra i vari orti delle 5 famiglie a seconda della disponibilità di prodotti".

 

Questo è a riprova della sostenibilità del progetto, infatti "se dei visitatori vanno nell'orto di Bruno a inizio agosto e raccolgono prodotti, poi Bruno non avrà più prodotti fino a fine agosto quindi i nuovi visitatori dovranno andare da Elia nel frattempo". Tutti i sabati dalle 16.00 alle 18.00 e tutte le domeniche, dalle 10.00 alle 12.00, sarà possibile prendere parte alla prima iniziativa realizzata all'interno del progetto, "La spesa negli orti" e seguire un percorso guidato alla scoperta delle ricchezze naturali, gastronomiche e culinarie del territorio. Verrà offerta ai partecipanti la possibilità di raccogliere e portare a casa i prodotti coltivati negli orti vicino alla Riserva Naturale Fontanazzo.

 

Data l'emergenza coronavirus è necessaria la prenotazione via Whatsapp, contattando per il sabato il numero 328 2587501 (Elia) e per la domenica il 340 0816628 (Bruno). Ulteriori informazioni sono disponibili sulla pagina Facebook o all'indirizzo mail selva.green2019@gmail.com

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 19:22

L'allerta è scattata alle 16.30 di oggi lungo la strada statale 237 all'altezza del centro abitato di Ponte Arche. In azione la macchina dei soccorsi tra ambulanze, elicottero, vigili del fuoco di Lomaso e polizia delle Giudicarie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato