Contenuto sponsorizzato

Nel lago di Valvestino il livello dell'acqua si abbassa e riemerge l'antica dogana

Periodicamente, il lago di Valvestino dona un'immagine senza eguali: la vecchia frontiera che riemerge dalle acque, un tempo snodo cruciale per il passaggio di uomini e merci di cui le zone circostanti erano produttrici

Pubblicato il - 28 febbraio 2020 - 16:10

VALVESTINO (BS). Nel cuore della riserva naturale occidentale dell’Alto Garda Bresciano, sorge il lago di Valvestino, un bacino artificiale a ben 124 metri di altezza. Circondato da ripide scogliere, sotto la sua superficie custodisce un meraviglioso segreto: le antiche rovine della dogana. 

 

Un tempo questo era parte dell'Impero d'Austria, e per lungo tempo luogo di frontiera con l'Italia, dove si incrociavano sentieri e mulattiere, costituendo un passaggio obbligato per migliaia di viandanti. Il confine era collocato proprio nella parte settentrionale dell’attuale bacino, in località Lignago (talmente piccola che non si trova sulle cartine) e rappresentava uno snodo cruciale per il passaggio di uomini, merci e carbone vegetale di cui le zone circostanti erano produttrici, con tanto di contrabbandieri che agivano nelle valli circostanti.

 

Quando il pompaggio è quasi assente, il livello del lago artificiale si abbassa e coloro che si trovano sulla strada provinciale, dal Garda verso la Valvestino, hanno dinanzi uno spettacolo davvero unico, costituito dai muri dell’edificio della dogana di Lignago che riemergono a ricordarci il tempo che fu.

 

Te pasaré da Lignàc” (passerai da Lignago), dicevano un tempo, a significare che qui e per forza bisognava passare, tra il Garda e le valli circostanti, per andare dall’una all’altra parte.

 

Poi, nel 1963, è arrivata la costruzione della diga con il lago artificiale che ha ricoperto tutto. Solo per qualche decennio, però. Nel 2014, infatti, causa il temporaneo e forte abbassamento delle acque del lago della Val Vestino, è riemerso qualcosa di straordinario: i muri del vecchio edificio della dogana, una sorta di “scheletro” che è testimonianza di un passato tanto lontano quanto suggestivo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

19 ottobre - 17:44

Sono stati analizzati 1.521 tamponi, 79 i test positivi nelle ultime 24 ore. Il rapporto contagi/tamponi si attesa a 5,2%. Ci sono 6 classi in più in isolamento a causa dell'epidemia Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato