Contenuto sponsorizzato

Dj3 trasferita in Germania? “La Pat fa spazio al Casteller per poter incarcerare altri orsi”, la protesta del Centro Sociale Bruno e dell’Assemblea Antispecista

Gli attivisti di StopCasteller contro la Giunta Fugatti: “Da mesi la Provincia non diffonde immagini e nasconde deliberatamente aggiornamenti sulla situazione degli orsi detenuti. Oggi tenta di nascondere il trasferimento dell’orsa non rilasciando dichiarazioni ufficiali in merito”

Di Tiziano Grottolo - 17 aprile 2021 - 19:34

TRENTO. La notizia del trasferimento dell’orsa DJ3 in Germania, peraltro annunciata da generale dei Carabinieri del Cites Massimiliano Conti, ha già riacceso le polemiche attorno alle gestione trentina dei plantigradi. Particolarmente dura la reazione degli attivisti del Centro Sociale Bruno e dell’Assemblea Antispecista, promotori della campagna per la liberazione degli orsi rinchiusi al Casteller. “Da mesi – dichiarano gli attivisti di StopCasteller – la Provincia di Trento non diffonde immagini e nasconde deliberatamente aggiornamenti sulla situazione degli orsi detenuti. Oggi tenta di nascondere il trasferimento dell’orsa non rilasciando dichiarazioni ufficiali in merito: un atteggiamento che esprime bene un certo modo di fare politica, la ‘politica dei sotterfugi’, che dovrebbe impensierire tutti i cittadini trentini”.

 

Secondo gli attivisti il trasferimento decreta “il fallimento della gestione della giunta Fugatti” e dimostra anche la mancanza di una progettualità incentrata sulla convivenza che al contrario continua ad essere gestita con gli strumenti autoritari della captivazione o, nel peggiore dei casi, dell’abbattimento”. Dubbi anche sulla destinazione tedesca di Dj3 cioè il “Parco alternativo della Foresta Nera per orsi e lupi”, giudicato inadeguato alle esigenze dell’esemplare.

 

“Molti penseranno che ogni sistemazione sia meglio di una gabbia di cemento e acciaio – puntano il dito Centro Sociale Bruno e Assemblea Antispecista – ma la Provincia non si sta adoperando nell’interesse degli animali: sta solo facendo spazio all’interno del Casteller per poter replicare la stessa triste storia di incarcerazione e sofferenza sulla pelle di altri orsi”.

 

Proprio per questo gli attivisti rimangono fermi sulle loro posizioni chiedendo la liberazione incondizionata degli orsi: “Dobbiamo educarci alla convivenza, a un rapporto diverso e più rispettoso degli altri esseri viventi. Questi orsi non sono ‘problematici’, ma insieme ai boschi e ai fiumi che percorrono il territorio trentino sono una ricchezza che dovremmo imparare a riconoscere e rispettare”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 maggio - 19:52
Trovati 36 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 113 guarigioni. Sono 689 i casi attivi sul [...]
Cronaca
18 maggio - 21:40
L'allerta è scattata lungo la MeBo in direzione nord all'altezza dell'uscita per Terlano. In azione la macchina dei soccorsi, due le persone [...]
Politica
18 maggio - 17:18
C'è da evidenziare che i numeri rispetto al capoluogo sono molto diversi: 998 domande a Trento tra ottobre 2020 e aprile 2021, mentre a Rovereto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato