Contenuto sponsorizzato

Il caso: a Villa Lagarina le pecore incustodite attirano il lupo. Gli orsi verso la fine del letargo: con l’aumento delle temperature si moltiplicano gli avvistamenti

Nella prima metà di febbraio la quasi totalità dei plantigradi ha proseguito il periodo di ibernazione invernale ma con il repentino aumento delle temperature si moltiplicano gli avvistamenti. Nel frattempo il lupo è arrivato nella zona di Villa Lagarina perché attirato dalle pecore abbandonate. Ecco i consigli del Comune su come comportarsi

Di Tiziano Grottolo - 10 marzo 2021 - 12:57

TRENTO. Nel mese di febbraio sono diversi i lupi che sono stati avvistati o fototrappolati sul territorio provinciale. Molte anche le tracce legate alle predazioni su ungulati selvatici o in altri casi legate al semplice consumo di carcasse di animali deceduti per inedia e a causa dei rigori dell’inverno. Per quanto riguarda le predazioni su domestici sono stati registrati solo due episodi: nelle vicinanze di Ala (una capra) e nella zona di Castellano di Villa Lagarina. Per quest’ultima situazione però sono necessarie delle precisazioni.

 

Lo scorso 23 febbraio Il Dolomiti, aveva riportato l’intervento delle volontarie dell’Oipa entrate in azione tra la frazione di Castellano e il lago di Cei, dove degli animali versavano in condizioni di totale abbandono. “Quando siamo arrivati – raccontava Jessica Bagatta, vice-delegata trentina dell’Oipa – c’era un odore nauseabondo anche i residenti hanno segnalato da tempo la situazione e da quanto sappiamo la forestale aveva già effettuato dei sopralluoghi. Ci saranno state una decina di carcasse di animali morti, sembrava di camminare su un cimitero di ossa”. Alcuni dei capi morti erano stati divorati da animali selvatici fra cui, si scopre ora, anche il lupo.

 

Dopo l’articolo e la denuncia dell’Oipa era intervenuta anche la forestale che, per prevenire le predazioni, ha eretto una recinzione elettrificata, l’unico modo per custodire adeguatamente gli animali sopravvissuti. In altre parole l’incuria dell’uomo aveva “apparecchiato la tavola” al lupo. Dopo la segnalazione abbiamo continuato a portare cibo e acqua agli animali – spiega Bagatta – poi siamo riusciti a trovare una sistemazione migliore, così capre e pecore sono state adottate da un pastore di Ala. Ora gli animali vivranno in un recinto spazioso assieme ad altri simili e con una loro stalla”. In questo senso il Comune di Villa Lagarina ha scelto la strada dell’informazione, che è sempre la più efficacie, diramando una serie di consigli sui comportamenti da tenere in presenza del lupo.

 


 

Per quanto riguarda l’orso invece, a febbraio la quasi totalità dei plantigradi ha proseguito il periodo di ibernazione invernale. Come accade anche nelle altre popolazioni europee di orsi bruni, alcuni esemplari sono rimasti parzialmente attivi anche nei mesi invernali; in particolare, almeno tre nuclei famigliari composto da femmine con i relativi cuccioloni del 2020 sono rimasti in attività, pur limitandosi a piccoli spostamenti in aree ristrette, in zone impervie e tranquille. Un altro esemplare, a dicembre e gennaio già autore, in Val di Sole e Val di Rabbi, di ripetute incursioni ai danni di apiari non difesi dalle recinzioni elettrificate a causa della molta neve presente al suolo, è rimasto attivo anche nella prima parte del mese di febbraio, con una ulteriore visita (senza danni di rilievo) a un apiario precedentemente e più volte visitato.

 

Nella seconda parte del mese, come accade in genere, ma quest’anno anche per via delle temperature nettamente sopra la media, gli indici di presenza riferiti ai plantigradi sono via via aumentati: segnalazioni relative ad avvistamenti, piste su neve o fototrappolaggi provengono dalla zona Comano, Fiavé e Bleggio Superiore, dalla Val d’Algone, da Castel Condino, da Avio, Villa Lagarina e Nago Torbole, da Tuenno e dall’altopiano della Predaia in Val di Non. A livello di danni, al di là di un paio di visite ad apiari in zona Daone, si registra la predazione di tre asini a Roncone, avvenuta nel corso di un unico evento.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 30 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 novembre - 20:00
Trovati 199 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 104 guarigioni. Sono 52 i pazienti in ospedale. Sono 840.024 le dosi [...]
Cronaca
30 novembre - 19:39
Il successo dell'opera realizzata dallo scultore veneto a Lavarone è enorme ma dal 2018, quando la tempesta si è abbattuta su Veneto e Trentino [...]
Politica
30 novembre - 21:00
I contratti del pubblico impiego sono bloccati e se i consiglieri regionali sono reduci dall'adeguamento dell'indennità, adesso sembra arrivato il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato