Contenuto sponsorizzato

L’appello per recuperare il compendio Miralago: “Impedire nuove costruzioni, restaurare l’esistente e creare il più grande parco del Garda”

Comitato Salvaguardia Area Lago chiede l’intervento dell’amministrazione per salvare il Parco Miralago: “Uno spazio pubblico di altissima qualità come questo può rappresentare anche un’opportunità di forte richiamo per un turismo di qualità, che non cerca parcheggi vicino al lago, bensì luoghi in cui stare bene”

Di T.G. - 14 giugno 2021 - 10:55

RIVA DEL GARDA. Lo scorso 5 giugno il Comitato Salvaguardia Area Lago ha organizzato un evento interamente dedicato al compendio Miralago, uno dei luoghi più caratteristici di Riva del Garda ma da tempo senza una prospettiva per futuro. Eppure si tratta di un luogo pregno di storia: bisogna risalire fino al 1890, cioè quando Cristoph von Hartungen, medico naturopata viennese, acquistò l’area agricola per trasformarla in un luogo di cura secondo un approccio olistico e naturalistico.

 

“Chiunque visiti o passi del tempo nel parco Miralago – spiegano dal Comitato – può rendersi conto dell’importanza di questo verde pubblico nella città. Il Parco infatti è caratterizzato da una grandissima ricchezza di specie botaniche. Spiccano in particolare, per la loro maestosità ed età presunta, alcuni esemplari che potrebbero essere riconosciuti come monumentali”. A tal proposito il Comitato ha chiesto al Comune di avviare l’iter per avviare la verifica dei criteri (naturalistico, botanico, storico-culturale, paesaggistico) di monumentalità. Dal canto suo l’amministrazione ha fatto sapere di aver avviato la procedura, che si concluderà con l’invio delle schede di identificazione del patrimonio arboreo del Parco al Servizio Provinciale Foreste, competente per la dichiarazione di monumentalità.

 

“Uno spazio pubblico di altissima qualità come il Parco Miralago, un parco curato e valorizzato nella sua integrità, può rappresentare anche un’opportunità di forte richiamo per un turismo di qualità, che non cerca parcheggi vicino al lago, bensì luoghi in cui stare bene”. Insomma, anche alla luce del periodo che si sta vivendo, con la pandemia che ha messo in evidenza la necessità di spazi d’aggregazione all’aperto il Parco Miralago potrebbe rappresentare un punto di riferimento.

 

Alla luce di queste considerazioni il Comitato Salvaguardia Area Lago chiede all’amministrazione di “tutelare l’intero patrimonio arboreo impedendo qualunque nuova edificazione e prevedendo eventualmente il restauro di parte degli edifici esistenti con destinazione socio-culturale-ricreativa, qualificando il compendio Miralago come bene comune tutelato e usufruibile da tutti”. Non solo, perché il “sogno” del comitato è quello di unificare questo spazio con la vicina area ex Cattoi, trasformando il luogo nel più grande parco pubblico del lago di Garda.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 2 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 agosto - 10:37
Prosegue senza sosta il lavoro del contingente trentino tra riunioni di coordinamento, attività di prevenzione e pattugliamento [...]
Cronaca
04 agosto - 10:15
Jerry è scappato di casa lo scorso venerdì 30 luglio. E' tutto verde con un ciuffetto giallo sulla fronte
Ambiente
04 agosto - 09:49
Alcuni attivisti “No-A31” hanno consegnato a nome della comunità di Terragnolo materiali informativi contro la grande opera [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato