Contenuto sponsorizzato

Da Coldiretti alla presidenza della riserva di caccia ora Massimo Sauro è il rappresentante legale del Parco naturale regionale della Lessinia

Sauro per Coldiretti si occupa proprio delle tematiche legate alla fauna selvatica e ai grandi carnivori che l'ente parco dovrebbe preservare e tutelare

Di Luca Pianesi - 13 aprile 2024 - 12:41

BOSCO CHIESANUOVA. E' Massimo Sauro il nuovo rappresentante legale del Parco naturale regionale della Lessinia. Ed avrà deleghe importanti quali gli ''affari generali, patrimonio, rapporti con enti istituzionali, comunicazione, Piano ambientale e coordinamento vigilanza''. Il tutto dopo che il presidente Giuliano Menegazzi due mesi fa, il 16 febbraio, ha rassegnato le dimissioni.

 

Al momento, quindi, il 'numero 1' del parco dell'Alto Veronese che ha il preciso scopo di tutelare il ricco patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed etnico del territorio ed è situato nella parte più settentrionale della Lessinia, tra i 1.200 e 1.800 metri di quota, è quello che era il vecepresidente di Menegazzi nonché responsabile di Coldiretti Verona per le tematiche legate alla fauna selvatica e ai grandi carnivori, già presidente della Riserva di caccia di Bosco Chiesanuova. Ruoli che mescolano posizioni in qualche modo difficili da da far combaciare e per questo tra le associazioni ambientaliste e non solo c'è una certa preoccupazione (per esempio sul tema della tutela dei grandi predatori, soprattutto i lupi ben presenti nella zona della Lessinia, come si muoverà Sauro e quindi, di conseguenza, l'ente parco?).

 

''Dal 23 febbraio ai primi di marzo abbiamo convocato quattro Consigli direttivi per approvare e adottare una serie di provvedimenti importanti'', comunica Sauro che ricorda come sia stata fatta la pubblicazione dell’avviso per il conferimento dell’incarico del nuovo direttore e in programma c’è anche la revisione del Piano Ambientale, predisposto 30 anni fa e ritenuto per questo ormai obsoleto, in particolare per quanto riguarda la normativa delle malghe.

 

Si è anche provveduto a una ridistribuzione delle deleghe. Massimo Sauro avrà quindi le deleghe di Affari generali, patrimonio, rapporti con Enti istituzionali, comunicazione, Piano Ambientale e coordinamento vigilanza, Marco Antonio Cappelletti: Risorse forestali, demanio, sistema museale, minoranze linguistiche, turismo, manifestazioni e attività sportive; Silvia Marcazzan: Ambiente, agricoltura, malghe, istruzione, cultura ed artigianato, rapporti con associazioni e Consulta del Parco; Daniele Zivelonghi: Bilancio, risorse umane, bandi e contributi, lavori pubblici, rapporti con la Comunità del Parco, riqualificazione area San Giorgio, statuto, contratti, convenzioni e regolamenti e Giuliano Menegazzi: Bilancio, Ambiente, coordinamento vigilanza e attività sportive.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
altra montagna
21 maggio - 18:00
Spesso è necessario uscire dall’alone di leggenda che avvolge alcune dinamiche naturali per osservarle dall’esterno, con sguardo più [...]
Cronaca
21 maggio - 19:20
E' successo nel tardo pomeriggio di oggi, sul posto si sono portati i vigili del fuoco con i tecnici. Il traffico è stato bloccato 
Cronaca
21 maggio - 18:07
La vicenda di Forti fa emergere sempre più disparità di trattamento e dopo l'incontro in pompa magna con la premier Meloni con tanto di diretta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato