Contenuto sponsorizzato

Il bramito del cervo durante la stagione dell'accoppiamento e lo spettacolo del Parco dello Stelvio per undici fortunati

La Sat organizza una gita tra il 23 e il 24 settembre in zona Malga Maleda per osservare da vicino i cervi durante la stagione dell'amore. E poi marmotte, aquile, gipeti e camosci per conoscere meglio la natura che ci circonda

Pubblicato il - 24 agosto 2017 - 15:40

TRENTO. Il comportamento dei cervi durante la stagione degli amori osservato dal vivo. E' questa la bella iniziativa tesa a conoscere meglio la natura, i nostri boschi e gli animali che li popolano, targata Sat rivolta a tutti coloro che vogliono approfondire la conoscenza del cervo e più in generale della fauna del Parco Nazionale dello Stelvio, per lavoro, studio o semplice curiosità.

 

Il numero massimo di partecipanti è fissato a 11 e priorità verrà data ai soci Sat/Cai per i moduli di iscrizione pervenuti entro il 12 settembre. Dopo quella data la priorità decade e farà fede la data di ricezione del modulo. I moduli di adesione devono pervenire entro e non oltre giovedì 16 settembre 2017. Infatti da quel momento in poi si apre il mese in cui il cervo entra nel vivo del periodo degli accoppiamenti: l'uscita in programma si pone lo scopo di osservare questa coreografica stagione degli amori dal vivo, il comportamento della specie e ascoltarne il bramito, caratteristico richiamo del cervo maschio, udibile solo in questa stagione.

 

Immersi nello scenario autunnale del Parco Nazionale dello Stelvio sarà un'occasione per andare alla scoperta di paesaggi, ambienti e delle numerose specie che vi abitano. Con un po' di fortuna all'osservazione del cervo, saranno abbinati anche l'avvistamento di marmotte, camosci e, soprattutto, gipeti e aquile, re e regine dei cieli alpini.

 

La due giorni naturalistica (che si terrà in zona Malga Maleda, in Val di Rabbi, dal 23 al 24 settembre) di BiodiversiTAM 2017 è organizzata e coordinata dalla Commissione Tutela Ambiente Montano della Società degli alpinisti Tridentini. "La biodiversità è il mondo in cui viviamo - comunicano dalla Sat - l'insieme di organismi e relazioni che permettono la nostra, come ogni altra, esistenza. Mai come oggi la comprensione di temi chiave come conservazione, biodiversità e cambiamenti climatici si è resa necessaria e doverosa da parte di tutta la comunità. In tema ambientale ognuno deve partecipare attivamente alla discussione e giocare il proprio ruolo nelle decisioni politiche e comunitarie".  

 

Per i moduli di iscrizione e il programma completo si può scrivere a tam@sat.tn.it.

Oppure telefonare a Elena Guella (348 -5727260), Antonio Vareschi (338-8266479) Commissione TAM SAT.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato