Contenuto sponsorizzato

Un presidio in Piazza Pasi per non dimenticare Daniza

Oggi alcune associazioni ambientaliste e animaliste si sono radunate in centro per ricordare l'orsa morta due anni fa e per sensibilizzare i cittadini sul tema

Il sit-in in piazza Pasi per ricordare Daniza
Di Giuseppe Fin - 11 settembre 2016 - 15:21

TRENTO. Più informazioni e una maggiore cultura al rispetto dell'ambiente e degli animali con momenti di formazione fin dalla scuola materna. A chiederlo, a due anni dalla morte di Daniza, l'orsa che l'11 settembre del 2014 fu uccisa durante la cattura per un errore in fase di sedazione, è un gruppo di associazioni ambientaliste con un sit-in in piazza Pasi. L'iniziativa ha come slogan “Mamma Daniza, non dimentichiamo!”.

 

Tra le associazioni presenti la Lac (Lega Abolizione Caccia). “Proprio oggi viene aperta la caccia - ha spiegato Caterina Rosa Marina della Lac Trentino – e noi invece di imbracciare i fucili imbracciamo i libri per far capire alle persone che un mondo diverso è possibile”.

 

Da parte delle associazioni l'ennesima condanna unanime anche alla gestione dell'orso in Trentino. “Si è perso tempo e non si fa ancora abbastanza per informare le persone. Bisognava cominciare prima del 1999”. Per l'Oipa (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) la “Provincia di Trento deve attivarsi in maniera veloce per una maggiore diffusione dei cartelli sulla presenza dell'orso nel territorio”. “Le persone – spiega Ornella Dorigatti dell'Oipa del Trentino – pensano di andare a funghi e di fare selfie con l'orso invece di rispettarlo e di non disturbarlo”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

20 gennaio - 19:12

Nell'ultimo confronto Stato-Regioni si è parlato dei tagli della Pfizer nella fornitura dei vaccini: "Abbiamo manifestato il nostro sconcerto". Un altro argomento è stato quello dei ristori. "Auspichiamo che il governo in carica sappia rispettare gli accordi presi con le categorie economiche. Non ci sono ancora garanzie e questo ci preoccupa". Il punto sui test salivari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato