Contenuto sponsorizzato

La ricerca del viandante, Parigi e il Teatro alla Scala illuminano Bolzano Danza

Dal 12 al 26 luglio 2019, la città diventa il palcoscenico per eccellenza del nuovo panorama coreutico internazionale. E’ in particolare il forte e sincero legame con Parigi e con il guest curator di quest’anno, Rachid Ouramdane, a celebrare l’ampio respiro che il Festival vuole dare alla ricerca del suo viandante
CNDC Angers_Beach Birds
Dal blog di Alice Nardelli - 02 luglio 2019 - 19:36

Wanderer in italiano risulta una parola quasi intraducibile. Rappresenta un qualcuno che si muove attraverso, un essere in continuo vagare nella sua ricerca interiore. Wanderer è una figura romantica, quanto estremamente contemporanea per il suo inquieto peregrinare per (ri)trovare sé stesso", così Emanuele Masi, direttore artistico di Bolzano Danza/Tanz Bozen presenta il tema della trentacinquesima edizione del Festival.

(Il direttore artistico Emanuele Masi - foto di Andrea Macchia)

Dal 12 al 26 luglio 2019, la città diventa il palcoscenico per eccellenza del nuovo panorama coreutico internazionale. E’ in particolare il forte e sincero legame con Parigi e con il guest curator di quest’anno, Rachid Ouramdane, a celebrare l’ampio respiro che il Festival vuole dare alla ricerca del suo viandante.

(Molimo_Sito Ostheimer_Barbara Dietl)

Il programma proposto infatti è stato presentato per l’occasione anche a Roma nell’ambito de “La Francia in scena 2019 | Danza”, simbolo evidente di una realtà dinamica che vanta al suo interno prime nazionali e assolute, alternate a collaborazioni di grande prestigio.

(Andrea Masi e Sharon Booth, curatrice dei workshop - foto di Andrea Macchia)

Il coreografo francese, che con Masi condivide da diversi anni una ricerca su linee poetiche ed estetiche comuni, conduce lo spettatore alla scoperta del proprio posto particolare e prezioso nel mondo. La città di Bolzano, invasa da danzatori e appassionati, diventa punto di partenza per aprire sguardi diversi sul proprio essere, conducendo ognuno verso una costruzione di una personale topografia interiore. Un viaggio intenso e senza sosta, che offre al pubblico 32 incontri di forte impatto emotivo e di altissimo valore artistico.

 

Direttamente dal Teatro alla Scala di Milano, che a gennaio ne ha ospitato la prima mondiale, venerdì 12 luglio lo spettacolo “Winterreise”, su musiche di Schubert e coreografie di Angelin Preljocaj, inaugura il Festival portando il luce il forte legame tra danza e musica dal vivo, richiamato in molti altri appuntamenti. Bolzano Danza infatti da ormai cinque anni viaggia in moto parallelo con la Fondazione Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, interagendo nella produzione di nuove performances.

(Ophélie_Yoann Bourgeois Géraldine Aresteanu)

Quest’anno sarà il coreografo Virgilio Sieni a tessere l’unione tra i suoi ballerini e l’Orchestra Haydn, in una prima assoluta su musiche di Arvo Pärt. Al debutto anche la coproduzione di Bolzano Danza e Festival Novara Jazz, “Golden Variations”, affidata alla talentuosa danzatrice italiana Camilla Monga con il trombonista jazz Nicolò Vignato.

 

La costante attenzione al panorama delle nuove generazioni femminili della danza porta invece in scena le diverse sensibilità di Silvia Gribaudi con lo spettacolo “R.Osa”, Annamaria Ajmone in “Trigger” e Sabrina Fraternali in “Glauco”. Ritornano a Bolzano anche la compagnia associata di Stoccarda Gauthier Dance e il coreografo Olivier Dubois, oltre al guest curator Ouramdane con “Franchir la nuit”, al suo debutto italiano.

 

Il trentacinquesimo compleanno del Festival vuole inoltre celebrare i grandi artisti che hanno scritto la storia della danza contemporanea, come Isadora Duncan, che rivive in “Natural Gravitation” di Luna Cenere, e Mary Wigman in una rilettura di “Hexentanz” affidata a Latifa Laâbissi, per cui il Museion di Bolzano diventerà parte integrante dello spettacolo. La serata conclusiva del Festival è affidata invece a “Beach Birds, BIPED” del Centre national danse contemporaine d’Angers, custode della grande eredità artistica del coreografo americano Merce Cunningham, di cui si celebrano quest’anno i cento anni dalla nascita.

(Conferenza stampa di presentazione della stagione - foto di Andrea Macchia)

Ad affiancare i numerosi appuntamenti di Bolzano Danza, trentuno coreografi e insegnanti provenienti da ogni parte del mondo saranno i protagonisti del fitto e prestigioso calendario di Workshops proposti dal 14 al 27 luglio, coordinati dalla direttrice artistica Sharon Booth. Non mancheranno inoltre gli appuntamenti per le famiglie e i piccoli appassionati di danza.

 

Per la consultazione del programma del Festival, Workshops ed iscrizioni basta collegarsi al sito ufficiale (Qui info). Abbonamenti e biglietti singoli presso le biglietterie del Teatro Comunale di Bolzano.

 

Il Festival Bolzano Danza/Tanz Bozen è organizzato dalla Fondazione Haydn di Bolzano e Trento con il supporto di Fondazione cassa di risparmio di Bolzano e Alperia. Sostenuto dal Comune di Bolzano, dalla Provincia di Bolzano, dalla Regione Trentino-Alto Adige e dal Mibac - Ministero dei beni e delle attività culturali, rinnova nuovamente anche la preziosa partnership con Museion. Si aggiunge in quest’edizione la collaborazione con l’Ambasciata di Francia e l’Institut Français di Parigi.

(Winterreise_Teatro alla Scala Ballet Company Brescia e Amisano Teatro alla Scala)

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 luglio - 07:59

Proviamo a smontare un po' di dubbi e perplessità sull'incredibile vicenda che riguarda la fuga dell'orso scappato nella notte tra domenica e lunedì dal recinto del Casteller superando recinti elettrificati e dandosi alla macchia senza radiocollare. Ieri, poi, è spuntata una foto di lui in Marzola dove non ci sono mai stati né orsi né lupi ma la realtà è spesso più incredibile della fantasia soprattutto se alla base c'è una figuraccia tanto grande

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato