Contenuto sponsorizzato

Un padre morto all'improvviso, un'amicizia maschile e le montagne, dal nome femminile

"Le otto montagne" di Paolo Cognetti è un grande libro pluripremiato e in via di pubblicazione in 30 paesi ma anche da riscoprire giorno dopo giorno. Un libro al maschile, che si muove intorno a relazioni tra uomini
DAL BLOG
Di Camilla Endrici - 13 gennaio 2017

Il mio comodino è un'instabile pila di libri, e in questo blog proverò a condividere alcune delle letture più belle che mi accompagnano.

Qualche giorno fa dalla redazione de Il Dolomiti mi è arrivato un messaggio un po’ provocatorio: “Non dirmi che non hai letto niente in queste vacanze!”. Colta in fallo. In realtà quest’ultimo mese è stato dedicato molto alla poesia e alla letteratura per l’infanzia, due mie grandi passioni che, credo, hanno molto in comune.

Ma il romanzo che mi ha conquistata, a tal punto che ho regalato la mia copia prima ancora di averlo finito per poi ricomprarne una nuova per me, è Le otto montagne di Paolo Cognetti. Ormai è un libro dell’anno scorso, plurirecensito, salito nelle
classifiche, in via di pubblicazione in 30 paesi; per me vale comunque la pena parlarne, ché nella fretta dell’anno che inizia vanno salvate le cose belle che rischiano di essere travolte dalla furia della fine. Le otto montagne è senz’altro una di queste.

 

Un libro al maschile, che si muove  intorno a relazioni tra uomini; quella tra un padre e un figlio, e quella tra questo figlio, che prima è bambino e poi diventa uomo, e il suo amico d’infanzia ritrovato in età adulta. Sullo sfondo, le montagne, luogo da cui si parte e luogo in cui tornare. Le montagne del libro di Cognetti sono molto di più che l’ambientazione di questa storia: diventano quasi la cartina tornasole della crescita e dello sviluppo dei personaggi. Nella relazione con i monti, nel suo evolvere con l’età, si riflette il cambiamento di Pietro: bambino che sgambetta dietro al padre sui sentieri durante le estati in villeggiatura, adolescente e giovane adulto che si ritira nella vita metropolitana e infine uomo, che torna ai piedi del Monte Rosa e scopre, senza volerlo, un sé nuovo.

 

E' lì che inevitabilmente il protagonista si trova a fare i conti con il bambino che è stato, con i ricordi, con un padre morto all'improvviso lasciando dietro di sé un'eredità tutta da esplorare. E grazie all'eredità fisica, reale, una piccola baita diroccata sugli alpeggi che circondano il paese di Grana, Pietro recupera un'eredità che è la figura stessa del padre.

Lo riscopre ripercorrendone le tracce, scoprendo le sue vecchie mappe con tracciati i sentieri percorsi insieme al figlio, quelli percorsi da solo e quelli percorsi con Bruno, che su quelle montagne è nato e ci è rimasto. C'è, in questa scoperta che segna una svolta narrativa importante all'interno del libro, tutto lo sgomento dell'adulto che per la prima volta vede il padre come uomo. Ed è lì, forse, che inizia la riscoperta del padre, che si approfondisce nella relazione con l'amico ritrovato.

Pietro e Bruno, compagni di scorribande nei boschi, si ritrovano e decidono di ricostruire la casa diroccata lasciata in eredità. Sasso dopo sasso, si costruisce quest'amicizia maschile grazie alla quale anche il padre che non c'è più riprende forma e sostanza. E sullo sfondo, ma mai sullo sfondo, le montagne; che chiedono fatica, perseveranza, costanza. A volte rigide, spesso esigenti, le montagne che hanno un nome femminile sono in questo profondo, intenso romanzo la rappresentazione più autentica di un archetipo maschile finalmente ritrovato.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 febbraio - 05:01

In Trentino episodi di caporalato e di sfruttamento lavorativo sono stati fermati negli ultimi anni da diverse operazioni delle forze dell'ordine. L'attenzione è molto alta, il ricercatore e sociologo dell'Eurispes: ''Sono fenomeni che vanno da sud e nord. Esiste ora un piano nazionale di contrasto e serve metterlo in pratica"

21 febbraio - 20:03

I carabinieri di Bolzano hanno trovato alcune dosi di cocaina nella quali sono state rilevate altissime percentuali di levamisolo, altrimenti noto per essere un vermicida che, mischiato alla cocaina in pastiglie tritate, viene fatto passare come “droga di più alta qualità”

22 febbraio - 00:02

Un uomo di 77 anni è morto questa sera a Monselice dove era ricoverato dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato