Contenuto sponsorizzato

Francesco Moser protagonista tra le pagine de 'La corsa del secolo' di Mondadori, ma in copertina ci finisce Aldo, mai citato nel libro

Cronache inattuali/10. Il libro ripercorre cento anni di storia di ciclismo attraverso il Giro e gli autori Paolo Colombo e Gioachino Lanottecita citano lo 'Sceriffo' e Simoni, ma l'immagine di copertina riposta il più anziano dei Moser alla corsa rosa del 1965, conclusa in 22esima posizione
DAL BLOG
Di Carlo Martinelli - 07 giugno 2017
Giornalista, scrittore, ex libraio, campione di telequiz. E’ autore di “Storie di pallone e bicicletta“, “Un orso sbrana Baricco” e "Campo per destinazione - 70 storie dell'altro calcio"...

Piccola piccolissima storia inattuale ed editoriale. Mondadori ristampa un ottimo libro che parrebbe di sport ma è molto altro e di più.

 

'La corsa del secolo' di Paolo Colombo e Gioachino Lanotte racconta infatti cent’anni di storia italiana attraverso il Giro.

 

Il ricco indice finale dei nomi ci fa scoprire come Francesco Moser possa contare su un cospicuo numero di citazioni, ben otto (poche meno di Coppi e comunque più di Saronni e molte più del compaesano Simoni, fermo ad una).

 

Ma l’immagine di copertina scompagina ogni calcolo. Perché è sì un Moser in copertina, ma è l’Aldo, il 'vecio'​, con la gloriosa casacca della Maino.

 

Giro del 1965, il ciclista di Palù di Giovo supera la slavina caduta sulla strada che porta allo Stelvio, in prossimità dell’arrivo della ventesima tappa. La bellezza di una immagine ​(Giorgio Lotti a scattarla, mica bruscolini) ​che consegna, meritatamente, Aldo Moser ad una copertina da Oscar...Mondadori

 

​A proposito: in quel Giro d'Italia del 1965 il più anziano dei Moser concluderà in 22esima posizione. ​

 

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato