Contenuto sponsorizzato

Il suicidio di Weber accusato del furto nella cattedrale di Angers

CRONACHE INATTUALI/ Originario di Mezzocorona l'11 luglio 1927 il 70enne si tolse la vita perché accusato di aver rubato della tappezzeria e altro arredamento della chiesa francese. Vicino al corpo una lettera nella quale proclamava la sua innocenza
Dal blog di Carlo Martinelli - 16 settembre 2016 - 16:27

Lunedì mattina, 11 luglio 1927. Paride Weber, originario di Mezzocorona, si toglie la vita nel giardino della sua villa, ad Angers, nella regione della Loira, in Francia. A settant’anni pone così tragicamente fine - con un colpo di fucile al petto - non solo alla sua esistenza, ma anche ad una vicenda di cronaca che per qualche mese tiene banco sui giornali: il furto degli arredamenti sacri avvenuto nella storica cattedrale di Angers.

 

Una delle preziose tappezzerie rubate viene rintracciata presso l’antiquario Cornier di Parigi. Le indagini portano a sospettare del furto proprio Paride Weber, da anni cittadino francese, dal 1912 al 1922 direttore della Scuola di Belle Arti di Angers, autore di parecchi volumi di storia dell’arte. L’antiquario Cornier, pochi mesi prima, a marzo, aveva acquistato in buona fede l’arredamento da un certo Weberel. Alla polizia consegna una lettera ricevuta proprio dal Weberel. Una perizia calligrafica stabilisce che l’ex direttore della Belle Arti e il Weberel sono la stessa persona. La polizia interroga allora Weber che nega qualsiasi responsabilità.

 

Unica ammissione: sì, è vero, si è recato a Parigi per vendere una tappezzeria su incarico di una signora di Angers. Il commissario lo avvisa: da Parigi sta arrivando ad Angers proprio l’antiquario Cornier, per un decisivo confronto. Paride Weber risponde: “Può darsi che egli mi conosca, ma giuro di non aver nulla a che fare col furto della cattedrale”.

 

Gli viene concesso di tornare alla sua villa, con la promessa che all’indomani sarebbe tornato al commissariato. Ma all’indomani non si fa vedere. Gli agenti si recano quindi alla sua villa dove vengono ricevuti dalla moglie che, invano, cerca il marito. Lo trovano poco dopo, nel giardino, in un lago di sangue. Accanto al corpo, un fucile. La morte risale a mezz’ora prima. L’antiquario Cornier lo riconosce. In un cassetto della scrivania Paride Weber lascia una lettera, nella quale proclama la sua innocenza.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato