Contenuto sponsorizzato

Quando nel 1954 un disco volante venne avvistato al Passo Falzarego. Il giornale "Le Ore": "Esclusiva mondiale"

Cronache Inattuali/9. La copertina dedicata a Sophia Loren ma all'interno l'articolo dal titolo "Qualcosa accade nei cieli". Un disco volante fotografato a Passo Falzarego da un dilettante, Angelo Cozzi, il 28 agosto 1954 alle 10.45 del mattino
Dal blog di Carlo Martinelli - 26 aprile 2017 - 11:14

Ottobre 1954. “Le Ore”, allora settimanale fotografico d’informazione politica e letteraria, dedica la copertina del numero 76, anno II, a Sophia Loren. Ma c’è anche uno strillo, in copertina, che annuncia perentorio: “Fotografati in Italia i dischi volanti”.

 

All’interno tre pagine presentate come “esclusiva mondiale”. Titolo: “Qualcosa accade nei cieli”.

 

Leggiamo la prima pagina. “Da qualche settimana dischi e sigari volanti percorrono, secondo lo stupito racconto di alcuni, i cieli d’Europa. Predilette l’Italia e la Francia, i trasvolatori misteriosi vi si accaniscono in modo inconsueto, e oltretutto con le code di fuoco dei razzi bruciano pagliai e causano svenimenti nelle donne e fughe pazze degli uomini. Lo scetticismo medio ed ufficiale non trova, almeno in questa occasione, riscontro nei titoli piuttosto rilevanti dei giornali. Qualcosa di singolare sta avvenendo nei cieli di questo pianeta: e, marziani e venusiani a parte, niente esclude che l’esasperato abitante della terra debba tener fronte a fenomeni nuovi alla sua conoscenza scientifica. Questo disco è stato fotografato  a Passo Falzarego da un dilettante, Angelo Cozzi, il 28 agosto 1954 alle 10.45 del mattino”

 

Giriamo pagina. Altre due foto che prendono praticamente tutto lo spazio. In un angolo, l’immagine di Angelo Cozzi. Titolo: “Come fotografai il disco volante”.

 

Proseguiamo la lettura. Adesso è il fotografo a parlare, in prima persona. “Queste foto io le feci la mattina del 28 agosto, verso le 10.45, sul passo Falzarego, nelle Dolomiti, dove mi ero recato in gita da Milano, assieme al mio amico Carlo Colonna, anche lui abitante a Milano, in via Vittor Pisani. Tutti e due vedemmo il globo luminoso che brillava in alto, sopra il Sasso di Stria. A me, in principio, parve fosse la luna, ma poi pensai che non poteva essere, perché era già mattino inoltrato”. 

 

Terza pagina, altra foto, questa volta con  la scritta Passo Falzarego in bella evidenza. Sempre in prima persona il giovane Cozzi dapprima spiega che macchina aveva, una Rolleiflex, e quali obiettivi avesse usato. Poi, conclude: “Scattai la foto, il globo era sempre fermo, io mi convinsi che fossi la luna e presi a spostarmi verso il rifugio, quando mi accorsi che qualcosa sfrecciava nel cielo. E il globo non c’era più. Scattai un’altra foto verso la scia luminosa, che sparì subito senza produrre alcun rumore. A casa, dissi a mio padre che avevo fotografato i dischi volanti. Lui mi disse di non fare lo  stupido. Poiché insistevo, mi dette anche uno schiaffo. E ho aspettato tanto tempo, perché pensavo che qualcuno mi prendesse in giro. Io mi chiamo Angelo Cozzi, ho vent’anni, abito a Milano in via Londonio 25, e tra poco andrò militare”.

 

Dare conto dell’inattualità, questo permette: raccontare senza nulla aggiungere, senza commentare alcunché. Solo il piacere di sfogliare una vecchia rivista. E passare dalla Loren a colori al bianco e nero del disco volante al Passo Falzarego. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato