Contenuto sponsorizzato

Prorogata fino a luglio 2017 l'entrata in vigore del decreto Balduzzi sull'obbligo dei defibrillatori

I mesi che abbiamo davanti devono essere utilizzati per riscrivere il decreto, trovando il giusto punto d'equilibrio tra sicurezza per gli atleti e la giusta attenzione per il mondo del volontariato sportivo
Dal blog di Franco Panizza - 22 novembre 2016 - 17:32

La commissione bilancio del Senato ha approvato un mio emendamento al decreto terremoto che proroga fino a luglio 2017 l'entrata in vigore del decreto Balduzzi sull'obbligo dei defibrillatori e di personale autorizzato al loro utilizzo per il mondo del volontariato sportivo.

 

Adesso attendiamo l'approvazione definitiva del provvedimento, prevista per oggi, da parte dell'aula del Senato. Un minuto dopo però bisognerà cominciare a lavorare per modificare il decreto Balduzzi perché questa ulteriore proroga che siamo riusciti a ottenere, per quanto importante, non risolve quanto sottolineato dalla società sportive dilettantistiche e dall'intero mondo del volontariato sportivo. Come abbiamo ribadito in più occasioni, il decreto Balduzzi nasce sotto i più nobili intenti ma, per come è stato pensato, rischia di mettere in serio pericolo l'intero mondo del volontariato sportivo perché mette in capo ai volontari eccessive responsabilità, assieme all'obbligatorietà di presenza di personale autorizzato all'utilizzo del defibrillatore anche in occasioni sportive del tutto informali.

 

Per questo l'intero mondo del volontariato sportivo sta sollecitando da tempo una revisione della norma. Occorre incentivare la presenza dei defibrillatori e prevedere momenti di formazione per i volontari chiamati al loro utilizzo. Su questo in Trentino sono stati compiuti importanti passi in avanti. Ma in alcun modo si devono introdurre norme che rischiano di disincentivare il volontariato o, peggio ancora, di restare lettera morta per la loro difficile applicabilità.

Inoltre, sempre il decreto Balduzzi, ha dei punti non chiari e di difficile interpretazione. Anzitutto manca un elenco preciso delle discipline sportive a cui si applica. E poi non si capisce bene come regolarsi nel caso di discipline out-door, quali ad esempio il ciclismo su strada e l'escursionismo.

 

La proroga quindi va salutata come un fatto positivo ma non ancora sufficiente. I mesi che abbiamo davanti devono essere utilizzati per riscrivere il decreto Balduzzi, trovando il giusto punto d'equilibrio tra sicurezza per gli atleti e la giusta attenzione per il mondo del volontariato sportivo e di tutte le società dilettantistiche. Su queste basi continuerà il mio confronto con i responsabili del Ministero e il sottosegretario De Filippo.

Potrebbe interessarti anche
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

23 marzo - 13:44

 Dopo la marcia del 15 marzo ieri moltissimi giovani hanno deciso i ripulire le sponde dell'Adige. Sofia Giunta: "Abbiamo lavorato sodo due ore, vogliamo proseguire un percorso concreto, vogliamo sensibilizzare i nostri coetanei e tutta la cittadinanza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato