Contenuto sponsorizzato

L'estate delle mascherine e dei saluti col gomito sta finendo: e pensare che un tempo viaggiavamo senza aria condizionata

Per tanti anni la mia estate è stata treno più mare. Il treno del caldo, degli incontri, dei binari, delle valige a destinazione. Il mare, quello del centro o del sud Italia, del relax e dei sogni. Sento ancora quella sensazione di appiccicaticcio, con l'aria condizionata rotta e l'acqua finita
DAL BLOG
Di Idil Boscia - 01 September 2020

Amo raccontare frammenti di vita e tutto ciò che lascia un segno

Ed anche questa estate sta finendo. L'estate delle mascherine e dei saluti col gomito. Col suo caldo e le sue notizie, con gli svaghi ed i pensieri del rientro. Per tanti anni la mia estate è stata treno più mare. Il treno del caldo, degli incontri, dei binari, delle valige a destinazione. Il mare, quello del centro o del sud Italia, del relax e dei sogni. Sento ancora quella sensazione di appiccicaticcio, con l'aria condizionata rotta e l'acqua finita.

 

L'apprensione per chi sarebbe salito e si sarebbe seduto accanto a te, o ancor più per chi avrebbe condiviso la cuccetta. Vedo i sorrisi delle ragazze e dei ragazzi nelle tende e l'emozione di tenersi per mano. I miei ultimi viaggi estivi sono stati in macchina. Poca attenzione ai cartelli, navigatore sempre acceso e tablet a gogò. Racconto ai miei figli i viaggi col finestrino aperto, i sonni sul sedile posteriore, gli aneddoti sui luoghi attraversati.

 

Erano anni luce di distanza. Le canzoni in macchina, anzi, quella stessa canzone per 15 ore, appartengono al passato. I miei figli sono grandini, ormai, e tutto ciò che non è pieno di qualcosa viene velocemente classificato come noia. Per fortuna il fascino del mare riesce ancora a catturare. Anche due preadolescenti. 

Estate con mascherine. Più o meno. Ho percepito lo scetticismo ed il timore, spesso anche la confusione. Il 15 agosto, la mattina presto, i bar erano già pieni di ragazzi assonnati. Tanti giovani sono stati vicini. Troppo, in alcuni casi. Tra breve tempo si tornerà alle distanze. Per noi insegnanti è ormai ora di riprendere. Online, intanto. È ora di pensare ad altro. Di cominciare col piede giusto. Magari concentrandosi sulle imminenti elezioni.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
20 aprile - 09:55
Poco più di una settimana fa un ciclista nell'Alto Garda è stato scaraventato in un fosso dopo essere stato urtato da un [...]
Cronaca
19 aprile - 20:57
Sono 1.342 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 21 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 38 guarigioni dal [...]
Politica
20 aprile - 06:01
Secondo il Tribunale di Trento la Giunta Fugatti, per l’accesso alle graduatorie Itea, aveva imposto agli stranieri dei criteri discriminatori e [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato