Contenuto sponsorizzato

Un viaggio verso l’isola di Utopia

Come avvicinare i più piccoli al pensiero filosofico? Luca Mori trasforma i problemi della filosofia classica in un gioco. Laboratorio alla Libreria Erickson sabato 28 aprile
DAL BLOG
Di La Libreria Erickson - 17 aprile 2018

Un’attenzione particolare è rivolta al mondo dell’infanzia, dei bambini e degli adolescenti. Uno spazio importante è dedicato agli argomenti più delicati come la separazione, l'adozione e a tematiche sociali

Com’è fatto l’universo? C’è una cosa da cui tutte le cose hanno origine? Cosa è giusto e cosa è sbagliato? Ci sono domande a cui è difficile rispondere, soprattutto se a farle sono i bambini. Loro non si accontentano di un semplice 'è così e basta'. Continuano a domandare finché la risposta non li soddisfa o il più delle volte finché non ricevono la minaccia di un castigo.

 

Fare domande richiede un grande coraggio, il coraggio di andare oltre i confini del fare quotidiano e lanciarsi verso scenari inaspettati.

 

Tuttavia anche questo tipo di pensiero richiede esercizio: non si conquistano nuove vette se non con lunghe camminate su sentieri sconnessi, non si allena il fiato se non ci si avventura in ripide salite e discese difficoltose. Allo stesso modo il pensiero si allarga affrontando domande e scenari inconsueti, facendo slalom tra un’ipotesi e l’altra, cambiando continuamente idea e direzione mentre si ridisegnano le mappe dell’ordinario.

 

Ci invita a fare questo Luca Mori, autore di 'Giochi filosofici' (Erickson) che trasforma i problemi della filosofia classica in un gioco: i dubbi, gli enigmi, le domande diventano possibilità da affrontare con meraviglia.

 

'Un problema filosofico – suggerisce Luca Mori -  è come una stanza buia in cui si entra con curiosità senza sapere cosa ci si potrà trovare'. Per scoprire cosa vi si nasconde è necessario che tutti condividano le loro intuizioni e facciano ipotesi. Solo così si potranno illuminare parti della stanza e gettare nuova luce sulle questioni di tutti i giorni e su quelle che serviranno a costruire il futuro.

 

E' con questo spirito che la filosofia diventa un gioco: 'L’isola di Utopia'. Progettando, osservando e collaborando i bambini sono invitati a creare l’isola ideale scegliendo tra tanti scenari possibili.

 

'L’isola di Utopia' è anche un laboratorio pensato per bambini e ragazzi dagli 8 ai 10 anni che non si accontentano di vedere la superficie delle cose, ma che vogliono capirne il senso, il funzionamento e come si possono rendere sempre migliori.

 

L’appuntamento è il 28 aprile alle 10.30 alla Libreria Erickson in via del Pioppeto 24 a Gardolo. Per chi fosse interessato ad approfondire è in programma anche un webinar gratuito con l’autore il 26 aprile alle 17.

Una vera e propria palestra per la mente, perché come scrive Umberto Eco nel libro La filosofia e le sue storie (Laterza) "vale la pena di praticare la riflessione filosofica così come vale la pena di fare ginnastica. Nel secondo caso si evita di ingrassare, nel primo si diventa più intelligenti".

 

(di Silvia Martinelli)

 

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 2 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 agosto - 11:59
Il formaggio in questione, oggetto di un'offerta con sconto del 50%, è il Casolet a latte crudo della Val di Sole, il portavoce di Slow Food [...]
Cronaca
04 agosto - 13:40
Le previsioni per la regione dicono di prestare particolare attenzione fino alle 13 di domani in Alto Adige e alle 16 in Trentino: ''La [...]
Cronaca
04 agosto - 10:37
Prosegue senza sosta il lavoro del contingente trentino tra riunioni di coordinamento, attività di prevenzione e pattugliamento [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato