Contenuto sponsorizzato

Dal giudizio universale all'arte del ben morire, il passaggio dalla vecchia idea del destino collettivo alla preoccupazione per la particolarità di ogni individuo

L’uomo subiva con la morte una delle grandi leggi della specie. Nacquero nel XI - XII secolo una serie di fenomeni nuovi che avrebbero introdotto all’interno della vecchia idea del destino collettivo, la preoccupazione per la particolarità di ogni individuo
DAL BLOG
Di Lou Arranca (Alias Ivo Cestari) - 16 giugno 2020

Rapito dalla Montagna anni fa, pratica escursionismo, percorre vie ferrate e frequenta qualche falesia e palestra di roccia. 

La familiarità tradizionale con la morte, intesa come accettazione dell’ordine naturale, implicava una concezione collettiva del destino. L’uomo subiva con la morte una delle grandi leggi della specie.

 

Nacquero in quel periodo (XI - XII secolo) una serie di fenomeni nuovi che avrebbero introdotto all’interno della vecchia idea del destino collettivo, la preoccupazione per la particolarità di ogni individuo.

(Mosaico del Giudizio Universale presso la Basilica Santa Maria Assunta - Torcello - Venezia)

Durante la seconda metà del Medioevo, è avvenuto un riavvicinamento tra 3 categorie di rappresentazioni mentali: quella della morte, quella della conoscenza da parte di ciascuno della propria biografia e quella dell’amore appassionato per le cose e per gli esseri posseduti durante la vita. La morte è diventata il luogo in cui l’uomo ha preso meglio coscienza di sé stesso.

(Giotto - Giudizio Universale- Cappella degli Scrovegni - Padova)

La rappresentazione del Giudizio Universale

 

All’inizio non c’era nè giudizio nè dannazione. I morti appartenevano alla Chiesa alla quale erano stati affidati i loro corpi. Non c’era posto, in questa concezione per una responsabilità individuale, per un bilancio delle cattive e delle buone azioni.

 

Nel secolo XII la scena cambiò: si introdusse nell’iconografia la separazione tra i Giusti e i Dannati: il Giudizio.

 

Nel XIII secolo l’idea del Giudizio divenne predominante: ogni uomo è giudicato secondo le sue buone e cattive azioni. Questo bilancio non veniva fatto al momento della morte, ma all’Ultimo Giorno mettendo in risalto in questo modo il rifiuto di assimilare la fine dell’essere alla dissoluzione fisica. L’idea del Giudizio Universale divenne quindi legata alla biografia individuale.

(Incisione del XV secolo - Le tentazioni)

Le Artes Moriendi (XV e XVI secolo)

 

Dio e la sua Corte erano nella camera del moribondo per constatare come questo si sarebbe comportato durante la prova proposta prima di esalare l’ultimo respiro e che avrebbe determinato la sua sorte nell’eternità: il suo atteggiamento avrebbe cancellato tutti i suoi peccati o annullato tutte le buone azioni.

 

L’Ultima Prova sostituì il Giudizio Finale: da un rito collettivo si passò all’inquietudine di un interrogativo personale; dal Grande Giorno alla camera del moribondo nel momento della morte. Il rivedere il film della propria vita accentua il carattere drammatico della “propria morte”.

 

Questa evoluzione rafforzò il ruolo del moribondo stesso nelle cerimonie della propria morte: era sempre al centro dell’azione, come una volta, ma con la possibilità di determinarla con la propria volontà.

(De doctrina moriendi - 1538)

All’iconografia del Giudizio Finale, nel 1400 si sostituì una nuova iconografia in xilografie diffuse attraverso la stampa, in quei libri che costituirono dei trattati sull’Arte del Ben Morire: le Artes Moriendi. Ogni pagina di testo era illustrata da un’immagine affinché i laici, che non sapevano leggere, potessero cogliere il senso altrettanto bene che i letterati (uomini di Chiesa o di Ordini Monastici).

 

L’iconografia delle Artes Moriendi riunì nella medesima scena la sicurezza del rito collettivo (rappresentazione tradizionale dell morte nel proprio letto) e l’inquitudine dell’interrogativo personale (il giudizio individuale della propria vita), in un rapporto sempre più stretto tra la morte e la biografia di ogni singola vita.

 

Lou Arranca e Maurizio Martinelli

 

Al prossimo appuntamento: “La sensibilità macabra”

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 11:41

Nella mattinata di giovedì 26 novembre si è tenuto un incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e i sindaci dei due Comuni dell'Altopiano di Pinè (entrambi "zona rossa") Francesco Fantini e Alessandro Santuari. Il primo cittadino di Bedollo: "Abbiamo ottenuto conferma che se entro lunedì la situazione si stabilizza al di sotto del 3% dei positivi, l'ordinanza di zona rossa non verrà rinnovata"

26 novembre - 12:03

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.104 tamponi e registrati 292 nuovi casi positivi, 11 decessi. Sono 280 persone ricoverate, 40 i pazienti in terapia intensiva

26 novembre - 10:19

I dati sono stati elaborati da Swg su un campione di circa un migliaio di persone. Nel nostro Paese sono in crescita i "complottisti" che credono in un virus diffuso da gruppi di potere, i "riduzionisti" che ritengono la situazione meno grave di come è rappresentata e i "resistenti", quelli che non vogliono vaccinarsi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato