Contenuto sponsorizzato

Klee, le piramidi di Giza e l'universo

Si parte dal dipinto di Klee per affrontare questioni legate agli studi di fisica astronomica e famose teorie che non ci vedono soli in questo universo
Paul Klee, Ad Parnassum, olio su tela, 100x128cm, Kunstmuseum, Berna
DAL BLOG
Di Matteo Boato - 02 dicembre 2016

 Pittore, i suoi lavori sono presenti in molti paesi europei, in Giappone, Cina, Brasile, Stati Uniti e Russia. Ha al suo attivo installazioni, attività didattiche, scenografie, performance musicali, illustrazioni per bambini e per adulti. 

È famosa la tesi di R. Bauval datata 1994 sulla correlazione tra le piramidi egiziane di Giza e le tre stelle centrali della costellazione di Orione (il discorso è estendibile a molte altre piramidi sud americane ed orientali).

 

Molto affascinante poi quanto sostenuta da alcuni studi di fisica astronomica: la costruzione delle piramidi risalirebbe a circa 12.500 anni fa e in quel momento l'attuale Egitto avrebbe ospitato una popolazione con tecnologie ingegneristiche superiori alle nostre attuali.

 

La storia dell'uomo avrebbe poi avuto uno scollamento, la civiltà sarebbe regredita o un cataclisma globale ne avrebbe cancellato in parte le tracce. Mi piace pensare che a Orione ci conoscano già e più in generale mi piace apprendere che possibilmente o meglio probabilmente non siamo soli in questo universo con milioni di pianeti sparsi per lo spazio, simili alla terra e perciò potenzialmente vivibili (come riferito nel 2016 dall'astronomia ufficiale).

 

Questo altrettanto famoso dipinto di Klee mi ricorda quanto siamo piccoli di fronte alla storia del nostro pianeta; quanto siamo arroganti nel considerarci unici e depositari del Sapere.

 

Guardiamo le piramidi e all'occasione pensiamo “noi uomini veniamo da lì” e non ci rendiamo neppure conto che la nostra attuale civiltà non è neppur lontanamente in grado di ricostruire un edificio di simile complessità e perfezione.


(Paul Klee, Ad Parnassum, olio su tela, 100x128cm, Kunstmuseum, Berna)

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 20:45

Il premier Giuseppe Conte spiega le principali misure contenute nel nuovo Dpcm per le festività di Natale e Capodanno: "La curva si è abbassata ma non possiamo distrarci e abbassare la guardia. Dobbiamo evitare la terza ondata"

03 dicembre - 20:17

Sono 449 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 45 pazienti sono in terapia intensiva e 53 in alta intensità. Sono stati comunicati 239 positivi sull'analisi di 3.575 tamponi molecolari e altri 237 contagi sono stati individuati tramite 1.954 test antigenici per un totale di 476 casi nelle ultime 24 ore

03 dicembre - 19:01

Mentre oggi la Pat ha finalmente comunicato i dati completi del contagio che mostrano come il Trentino abbia lo stesso numero (se non di più) di contagi dell'Alto Adige, come vi raccontava il Dolomiti da giorni, il presidente ha presentato i dati su Rt e ospedalizzazioni. Poi ha spiegato cosa non va delle decisioni prese a livello governativo e confermato che il weekend i negozi e centri commerciali saranno aperti in Trentino, salvo dpcm

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato