Contenuto sponsorizzato

Un inverno difficile anche per gli animali selvatici

Iniziamo, dalle nostre gite in montagna. Ciaspole e sci alpinismo ci riavvicinano ad una percezione diversa della montagna, ma se non pianificate con cura, hanno un impatto: in particolare sulla stessa fauna con la quale dovremmo rientrare in relazione, disturbata e non raramente uccisa dalla nostra incauta presenza
DAL BLOG
Di Notizie dal Wwf - 15 febbraio 2021

Un blog a cura dell'Associazione per il Wwf Trentino

In questo particolare anno di questa particolare stagione, caratterizzata da precipitazioni nevose e gelo come in valle non si vedevano da un pezzo, una nuova sfida sociale ed intellettuale si fa largo all'orizzonte: quella del nostro rapporto con la fauna alpina.

 

Il selvatico è ovunque, dal muschio sui tetti delle nostre case fino alla volpe che razzola nella compostiera, passando per l'esplosione delle radici del platano dal manto stradale: la vita si fa largo entro gli spazi di lavoro umani in modo inaspettato, spesso nonostante una nostra mancata collaborazione. Tuttavia, se il pandemico anno appena trascorso (mai terminato) ci insegna qualcosa, questo è tra tutto il bisogno di una nuova alleanza con ciò che è diverso e distante dalla nostra immediata percezione: una alleanza che riconosca presenza, capacità di relazione con l'umanità e autonomia almeno a quello che etichettiamo comunemente come "selvatico".

 

Non è un compito banale: spesso ci fermiamo al primo punto, faticando a riconoscere la stessa esistenza di quello che non è immediatamente visibile agli occhi. Il letargo dell'orso, la diapausa invernale dei lepidotteri, le profonde trune di fagiani e pernici nascondono alla vista un mondo spettacolare, reso ancora più fragile dai rigori della stagione fredda.

 

È un mondo inevitabilmente in relazione con la nostra presenza, che da questa non può (non dovrebbe) essere disaccoppiato: pena la creazione di artificiali dualismi (umano - naturale) che escludono componenti culturali meritevoli, oltre che acuire conflitti poi difficilmente rimuovibili: forse, un confine può essere tracciato riconoscendo una autonomia a quello che vive oltre a noi. Autonomia di decidere della propria esistenza, di condurla senza appelli a "logiche di popolazione" (si veda il grottesco abominio della richiesta di riapertura della caccia alla pernice bianca), di pace.

Non sempre è sufficiente un richiamo a questa straordinarietà: ma già riconoscere che esiste un problema di riconoscimento del selvatico nell'ambiente entro il quale ci muoviamo è un primo passo, per un compito arduo ma entusiasmante che dovrebbe essere iniziare a vedere (e guardare) la vertiginosa diversità entro la quale siamo immersi.

Iniziamo, dalle nostre gite in montagna. Ciaspole e sci alpinismo ci riavvicinano ad una percezione diversa della montagna, ma se non pianificate con cura, hanno un impatto: in particolare sulla stessa fauna con la quale dovremmo rientrare in relazione, disturbata e non raramente uccisa dalla nostra incauta presenza. Sull'argomento "fauna, inverno, esseri umani" sono in questi giorni stati scritti i più disparati ed eccellenti contributi, ai quali vi rimandiamo (

qui per un riassunto, qui per un esempio di straordinaria campagna comunicativa e qui per un esempio completo e già in essere di civiltà e convivenza) ricordandovi: 

 

- di pianificare con attenzione la vostra gita, rimanendo quanto più possibile entro tracce già battute e scostandovi il meno possibile dalla traccia di salita anche durante la discesa;

- in ogni caso, di non imperversare in mezzo al bosco, prediletto luogo di rifugio di molti animali;

- di tenervi distanti dai margini del bosco;

- di segnalare la vostra presenza nel caso avvistiate animali lungo percorsi che dovrete necessariamente intraprendere, in modo da dar loro tempo di spostarsi tranquillamente senza eccessivo dispendio energetico;

- di tenere i cani al guinzaglio, norma valida in qualsiasi occasione di frequentazione dell'ambiente naturale (in particolare quello delle aree protette).

 

Per approfondire questo e altro, vi invitiamo a dare una occhiata al seminario 'Un inverno difficile' organizzato dalla Sat sui suoi canali social (Facebook, YouTube) proprio su questo tema

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 17:36
Sono stati analizzati 3.823 tamponi tra molecolari e antigenici. Leggero miglioramento per quanto riguarda le ospedalizzazioni. Oggi 278 guarigioni. Sono 29 casi tra gli over 70 e 34 tra bimbi e ragazzi in età scolare
04 marzo - 13:13

Gli esercizi pubblici sono in sofferenza per le limitazioni imposte per fronteggiare la curva del contagio da Covid. I presidenti Fabia Roman e Massimiliano Peterlana chiedono un cambio di passo, anche per quanto riguarda le vaccinazioni: "Puntare con maggior forza su una campagna a tappeto che permetta all’economia di normalizzarsi"

04 marzo - 16:32

La scorsa domenica 28 febbraio un gruppo di persone è salito sul tetto di una casetta in legno che la gestrice del rifugio Talamini utilizza per il ricovero delle pecore in estate, finendo per farla collassare su un lato. Invece di riferire il danno, i turisti se ne sono andati via senza dire nulla

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato