Contenuto sponsorizzato

Autonomia, i partiti locali si sono preoccupati solo di difendere il loro feudo invece di esportare buone pratiche

È a causa di questa politica autoreferenziale e talvolta clientelare se ora all’esterno la nostra specialità viene percepita come un privilegio. Dobbiamo riuscire a ricreare quella responsabilità sociale che è alla base dell’autogoverno del nostro territorio e della stessa Autonomia
Dal blog di Riccardo Fraccaro - 24 settembre 2017 - 18:03

Per le sue peculiarità storiche e per la grande tradizione partecipativa delle sue comunità alpine, il Trentino-Alto Adige e la sua Autonomia possono e devono diventare un modello per superare la crisi della democrazia in Occidente. Un modello non da eliminare, ma anzi da rafforzare ed esportare nelle altre regioni italiane. Nata per garantire la convivenza tra i gruppi linguistici e avvicinare le istituzioni ai cittadini e al territorio, la nostra Autonomia poggia su specifiche ragioni storiche.

 

Negli anni, però, i partiti locali, anziché coltivare in maniera responsabile questa peculiarità e aggiornarla sulla base delle spinte e dei cambiamenti sociali, facendone un modello di decentramento amministrativo da esportare, si sono preoccupati solo di difendere il loro feudo di potere e hanno utilizzato l’Autonomia come pretesto per giustificare ben altri interessi e tornaconti. È a causa di questa politica autoreferenziale e talvolta clientelare se ora all’esterno la nostra specialità viene percepita come un privilegio.

 

Per il M5S il decentramento non è soltanto un valore, ma un obiettivo politico da perseguire in via prioritaria contro le derive centraliste e autoritarie. In questo senso l’Autonomia del Trentino Alto Adige dev’essere un modello da esportare anche alle altre regioni d’Italia e non solo da difendere, chiudendosi a riccio. Dobbiamo riuscire a ricreare quella responsabilità sociale che è alla base dell’autogoverno del nostro territorio e della stessa Autonomia: per farlo dobbiamo in primo luogo promuovere una cultura della trasparenza e dell’efficienza, allargando il coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali, ma soprattutto dobbiamo esportare le buone pratiche e sostenere le altre regioni nelle loro richieste di autonomia amministrativa.

 

Il Trentino Alto-Adige potrà esprimere tutte le proprie potenzialità solo facendosi promotore di un progetto di riforma di tutte le amministrazioni locali fondato su autodeterminazione, solidarietà, partecipazione e responsabilità.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 19:00

Il consigliere dei Verdi non ha votato il Prg ed è uscito dall'aula puntando il dito contro la maggioranza che ha accettato l'emendamento arrivato dai banchi della minoranza. "In una fase di cambiamenti climatici enormi, dove lo zero termico si alza sempre più e noi insistiamo con le politiche turistiche legate allo sci in luoghi che fra 10/15 anni non avranno più le condizioni per avere la neve"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato