Contenuto sponsorizzato

Invece di bacchettare le imprese, Visco pensi al sistema bancario

Le politiche del lavoro ispirate dai centri finanziari e dalla moneta unica si sono rivelate fallimentari, costringendo il Paese alla svalutazione interna. Troppa burocrazia e sistema fiscale esoso. La ricetta per uscire dalla crisi? Ricerca di base, formazione continua per i lavoratori e spinta sui comparti del futuro
DAL BLOG
Di Riccardo Fraccaro - 06 giugno 2017

E' segretario alla Presidenza della Camera dei deputati, eletto in Trentino Alto Adige nel 2013 con il Movimento 5 Stelle

E’ vero che spesso in questi anni abbiamo assistito all'abbattimento del costo del lavoro, con il rischio di impresa scaricato sui lavoratori e la compressione dei diritti, ma ciò è avvenuto per colpa di politiche del lavoro fallimentari ispirate dai centri finanziari e di una moneta unica che ci ha costretti a una svalutazione interna.

 

Il governatore di Bankitalia Visco non è nella posizione di ergersi sul pulpito e bacchettare il mondo produttivo italiano, come avvenuto nel corso dell'ultimo Festival dell'Economia.

 

Le banche italiane, anche nell’avanzato Nord-Est, hanno dimenticato il loro mestiere di sostegno, servizio e potenziamento dell’economia reale. I banchieri di istituti come Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Mps e certi altri intermediari toscani oppure Carige - e l’elenco potrebbe continuare - hanno utilizzato il risparmio a fini privati e clientelari, foraggiando solo cricche di imprenditori amici e chiudendo i rubinetti alle piccole e medie imprese che sceglievano di stare onestamente e coraggiosamente sul mercato.

 

Sugli scandali del credito, che vedono tra i colpevoli anche la politica locale e nazionale, Bankitalia ha vigilato male, malissimo. E spesso si è girata dall’altra parte troppo a lungo. Dunque, Visco ha responsabilità enormi.

 

C’è poi un problema di contesto per le nostre imprese, a partire da un sistema fiscale esoso e complicato. Fino al 3 giugno gli italiani hanno lavorato per l’erario: solo per metà anno, in pratica, si produce ricchezza per sé, per la propria famiglia o per i propri dipendenti. Ma soprattutto c’è troppa burocrazia, regole astruse che si contraddicono a vicenda, una legislazione tanto stratificata quanto folle.

 

Il M5S vuole semplificare e aiutare le aziende a tornare competitive. Anche ripensando il ruolo del settore pubblico. Usciamo dalla dicotomia Stato-mercato e ragioniamo su uno Stato che crei mercato, che incentivi, con investimenti produttivi, il privato a investire a sua volta. Ricerca di base, formazione continua per i lavoratori e spinta sui comparti del futuro: è così che si sostiene la domanda aggregata e si tira il Paese fuori dalla crisi.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 12:51

Anche il Friuli-Venezia Giulia si è visto bocciare la sua norma “sulle case Itea” che di fatto escludeva dall’edilizia agevolata gli stranieri. L’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione: “La Regione metta rapidamente fine a questa situazione illegittima attenendosi all’ordine del Tribunale, ripristinando immediatamente la legalità”

06 marzo - 11:48

I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.532 tamponi molecolari e registrati 107 nuovi casi. Si aggiungono 111 test antigenici positivi

06 marzo - 12:57

Immediatamente gli è stata ritirata la patente, ed ha potuto fare rientro a casa solamente accompagnato da una persona di fiducia fatta giungere sul posto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato