Contenuto sponsorizzato

Agronomo trentino consulente in Kazakistan

Esperto di frutticoltura a livello internazionale si occupa di mele
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Giancarlo Curzel di Caldonazzo, dottore agronomo esperto di frutticoltura a livello internazionale, si reca spesso in Kazakistan per prestare consulenza a grossi imprenditori proprietari di aziende di notevole estensione nelle quali si piantano frutteti in prevalenza melo di varietà più o meno eguali a quelle del Trentino.

 

Gli imprenditori spesso riuniti in società dispongono di molto denaro e guardano con motivata fiducia di collocamento remunerativo ai vicini mercati della Russia e della Cina.

 

Prima di dedicarsi alla consulenza internazionale, il dottor Curzel ha lavorato nella sezione trentina dell’Istituto sperimentale per la frutticoltura di Roma ed è stato il primo direttore tecnico dell’Esat.

 

 

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato