Contenuto sponsorizzato

Agronomo trentino consulente in Kazakistan

Esperto di frutticoltura a livello internazionale si occupa di mele
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Giancarlo Curzel di Caldonazzo, dottore agronomo esperto di frutticoltura a livello internazionale, si reca spesso in Kazakistan per prestare consulenza a grossi imprenditori proprietari di aziende di notevole estensione nelle quali si piantano frutteti in prevalenza melo di varietà più o meno eguali a quelle del Trentino.

 

Gli imprenditori spesso riuniti in società dispongono di molto denaro e guardano con motivata fiducia di collocamento remunerativo ai vicini mercati della Russia e della Cina.

 

Prima di dedicarsi alla consulenza internazionale, il dottor Curzel ha lavorato nella sezione trentina dell’Istituto sperimentale per la frutticoltura di Roma ed è stato il primo direttore tecnico dell’Esat.

 

 

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato