Contenuto sponsorizzato

Al via la stagione venatoria e si rinnova l'alleanza tra cacciatori e veterinari

Non si fa solo riferimento alle analisi che il laboratorio esegue su capi di animali selvatici abbattuti per il controllo di malattie infettive o di origine parassitaria, ma anche la periodica attività di formazione dei cacciatori
Dal blog di Sergio Ferrari - 07 agosto 2018 - 20:53

A poche settimane dall’apertura della stagione venatoria è interessante apprendere che tra Istituto zooprofilattico di Trento e associazioni dei cacciatori delle diverse zone del Trentino esiste uno stretto rapporto di collaborazione.

 

Non si fa solo riferimento alle analisi che il laboratorio esegue su capi di animali selvatici abbattuti per il controllo di malattie infettive o di origine parassitaria.

 

Gli operatori dell’Istituto zooprofilattico in collaborazione con il Servizio veterinario dell’azienda sanitaria provinciale svolgono infatti una periodica attività di formazione dei cacciatori che gestiscono le case di caccia.

 

Si tratta di locali attrezzati nei quali i cacciatori portano parte dei capi abbattuti per le operazioni di eviscerazione e di lavorazione delle carni che verranno poi distribuite tra gli associati.

 

Gli stessi locali sono sottoposti a controlli igienici a carattere preventivo e non fiscale o punitivo. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 19:28

Il Partito democratico raggiunge il primato in cinque amministrazioni come Civica Trentina. Progetto Trentino si ferma a quattro. Upt e Autonomia Dinamica a quota due Comuni

23 ottobre - 19:19

L'incidente è avvenuto intorno alle 18.10 sulla strada che sale dalla città verso la collina. Sul posto due ambulanze

23 ottobre - 17:24

Il presidente Coletti sulle dichiarazioni del fondatore del M5S pronunciate durante il comizio del Circo Massimo: ''Cosa ci sia di comico non lo capiamo mentre sappiamo bene quanto questa normalità apra le porte alla discriminazione, al bullismo, all'emarginazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato