Contenuto sponsorizzato

Al via la stagione venatoria e si rinnova l'alleanza tra cacciatori e veterinari

Non si fa solo riferimento alle analisi che il laboratorio esegue su capi di animali selvatici abbattuti per il controllo di malattie infettive o di origine parassitaria, ma anche la periodica attività di formazione dei cacciatori
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 07 agosto 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

A poche settimane dall’apertura della stagione venatoria è interessante apprendere che tra Istituto zooprofilattico di Trento e associazioni dei cacciatori delle diverse zone del Trentino esiste uno stretto rapporto di collaborazione.

 

Non si fa solo riferimento alle analisi che il laboratorio esegue su capi di animali selvatici abbattuti per il controllo di malattie infettive o di origine parassitaria.

 

Gli operatori dell’Istituto zooprofilattico in collaborazione con il Servizio veterinario dell’azienda sanitaria provinciale svolgono infatti una periodica attività di formazione dei cacciatori che gestiscono le case di caccia.

 

Si tratta di locali attrezzati nei quali i cacciatori portano parte dei capi abbattuti per le operazioni di eviscerazione e di lavorazione delle carni che verranno poi distribuite tra gli associati.

 

Gli stessi locali sono sottoposti a controlli igienici a carattere preventivo e non fiscale o punitivo. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 dicembre - 19:14

Nonostante i divieti sugli spostamenti in vista delle festività natalizie è iniziata la corsa ai tamponi, nella convinzione (errata) che garantiscano una sorta di “patente d’immunità”. Il numero uno di Apss: “In queste situazioni i test non servono. Quest’anno purtroppo è così sarà un Natale strano, ma dobbiamo accettarlo, per la salute delle persone a cui vogliamo bene”

05 dicembre - 18:52

Mentre domani è stata fissata un allerta arancione per tutta la provincia e rossa per l'Alto Adige e il Veneto ecco la situazione generale di neve e strade. Chiusa per pericolo valanghe la provinciale 25 di Garniga tra Garniga Vecchia e le Viote e istituito il senso unico alternato lungo la provinciale 76 Gardolo – Lases per caduta massi

05 dicembre - 16:44

Tra i nuovi positivi se ne contano 105 over 70 e ci sono 3 bimbi con meno di 2 anni. Una persona in più in terapia intensiva e numero di dimissioni superiore ai nuovi ricoveri: 31 contro 28

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato