Contenuto sponsorizzato

Anche in Trentino i "vitigni resistenti" per ridurre la deriva dei pesticidi e per gli agriturismi

I quattro vitigni tolleranti alla botrite ottenuti dagli esperti della Fondazione Mach sono in prova nei vigneti toscani di Villa Banfi
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 18 febbraio 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

I vitigni resistenti a peronospora e oidio ottenuti nel secondo dopoguerra nella Stazione sperimentale per la viticoltura di Friburgo adottando metodi tradizionali di genetica classica si piantano anche in Trentino e sono consigliati dagli esperti della Fondazione Mach. Lo afferma Maurizio Bottura che dal 1° gennaio 2018 ha assunto l’incarico di coordinamento dell’Area Sperimentazione e Consulenza frutti-viticola del Centro per il Trasferimento tecnologico.

 

Si tratta di piccoli impianti situati al di fuori dell’area viticola da reddito del Trentino. Spesso realizzati da proprietari di case di abitazione confinanti con impianti intensivi di frutteto o vigneto allo scopo di creare una barriera naturale contro la deriva.

 

Altre volte si tratta di gestori di aziende agrituristiche che vogliono proporre agli ospiti vini provenienti da uve che non richiedono interventi anticrittogamici. I quattro vitigni tolleranti alla botrite ottenuti dagli esperti della Fondazione Mach sono in prova nei vigneti toscani di Villa Banfi. L’anno nuovo vedrà consolidarsi il rapporto con la ditta olandese impegnata con la FEM nel progetto denominato Chardonnay Plus.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 luglio - 06:01

Il Garda è stato protagonista nella seconda commissione presieduta da Luca Guglielmi per parlare dell'imminente riforma del settore. Resta da capire se Comano, Pinè/Cembra, Ledro e val di Non in sofferenza per l'imminente fusione avranno qualcosa da ridire sulle carte da giocare e che fino a questo momento sono un po' rimaste a guardare. Marco Benedetti: "Più che un'evoluzione, sembra un'involuzione"

07 luglio - 20:46

Ci sono 3 pazienti ricoverati nelle strutture ospedaliere del territorio, nessuno però è fortunatamente in terapia intensiva. Sono 4.988 i guariti. Sono stati registrati 17 nuovi positivi a Covid-19 negli ultimi 12 giorni

07 luglio - 18:46

Il totale sale a 5.498 casi e 470 vittime da inizio epidemia. Sono 4.988 i guariti da Covid-19. Ci sono 3 pazienti ricoverati nelle strutture ospedaliere, nessuno in terapia intensiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato