Contenuto sponsorizzato

Aurorafruit lancia una ricerca sull’impiego di parassitoidi attivi contro drosofila, cimice asiatica e altri fitofagi

La cooperativa che riunisce una quindicina di produttori trentini e veronesi in parte usciti dalla cooperativa Sant’Orsola dimostra volontà propositiva e di prospettiva
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 08 marzo 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Una dimostrazione di volontà propositiva al posto della protesta per mancato interesse da parte dell’ente pubblico in materia di difesa fitosanitaria di fragole e piccoli frutti coltivati in Trentino. Questo si può dire di una lettera che Luciano Mattivi, presidente della cooperativa Aurorafruit ha inviato ai dirigenti di varie associazioni di produttori e sindacati agricoli.

 

Aurorafruit riunisce una quindicina di produttori trentini e veronesi in parte usciti dalla cooperativa Sant’Orsola. La lettera propone di dar vita ad un progetto di ricerca basato sull’impiego di parassitoidi attivi contro drosofila, cimice asiatica e altri fitofagi invasivi importati da Paesi dell’estremo oriente.

 

La ricerca potrebbe essere affidata alla Fondazione Mach e sostenuta da un contributo di 1 euro a quintale riferito ad un monte complessivo di ciliegie, fragole e piccoli frutti stimato in 100.000 quintali. La proposta potrebbe essere allargata anche ad associazioni di produttori e cooperative di settore di altre regioni italiane.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
25 maggio - 16:21

L'assessora Segnana è intervenuta per scaricare la responsabilità sull'Ordine dei medici. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Se esecutivo e dirigenti provinciali hanno sempre bisogno di qualcuno che dica cosa fare, per quale motivo vengono pagati dai trentini? Chieda scusa e ringrazi Ioppi invece di accusarlo". L'Upt: "Accuse di Segnana inaccettabili e vili. Bullismo istituzionale, arroganza e impreparazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato