Contenuto sponsorizzato

Aurorafruit lancia una ricerca sull’impiego di parassitoidi attivi contro drosofila, cimice asiatica e altri fitofagi

La cooperativa che riunisce una quindicina di produttori trentini e veronesi in parte usciti dalla cooperativa Sant’Orsola dimostra volontà propositiva e di prospettiva
Dal blog di Sergio Ferrari - 08 marzo 2019 - 20:57

Una dimostrazione di volontà propositiva al posto della protesta per mancato interesse da parte dell’ente pubblico in materia di difesa fitosanitaria di fragole e piccoli frutti coltivati in Trentino. Questo si può dire di una lettera che Luciano Mattivi, presidente della cooperativa Aurorafruit ha inviato ai dirigenti di varie associazioni di produttori e sindacati agricoli.

 

Aurorafruit riunisce una quindicina di produttori trentini e veronesi in parte usciti dalla cooperativa Sant’Orsola. La lettera propone di dar vita ad un progetto di ricerca basato sull’impiego di parassitoidi attivi contro drosofila, cimice asiatica e altri fitofagi invasivi importati da Paesi dell’estremo oriente.

 

La ricerca potrebbe essere affidata alla Fondazione Mach e sostenuta da un contributo di 1 euro a quintale riferito ad un monte complessivo di ciliegie, fragole e piccoli frutti stimato in 100.000 quintali. La proposta potrebbe essere allargata anche ad associazioni di produttori e cooperative di settore di altre regioni italiane.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato