Contenuto sponsorizzato

BLOG. Causa alla Fondazione Mach, indebita concorrenza esercitata

L'Ordine degli agronomi ha incaricato uno studio di avvocati di Verona di redigere una memoria sulla quale impostare una causa giudiziaria
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 04 settembre 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il direttivo dell’Ordine dei dottori agronomi e forestali della Provincia di Trento, presieduto fino a metà dello scorso anno da Claudio Maurina, dottore forestale libero professionista, aveva incaricato uno studio di avvocati di Verona di redigere una memoria sulla quale impostare causa giudiziaria a carico della Fondazione Mach.

 

Motivo del ricorso: indebita concorrenza esercitata dai dipendenti non iscritti all’Ordine in diversi ambiti di lavoro che in altre parti d’Italia sono svolti dagli iscritti.

 

La memoria ultimata nel settembre del 2017 è stata consegnata al nuovo presidente dell’Ordine Federico Giuliani solo nel mese di maggio di quest’anno.

 

Finora l’Ordine non ha avviato alcuna azione giudiziaria.

 

Precedenti lettere inviate al presidente della Fondazione Andrea Segrè e al direttore Sergio Menapace non hanno ottenuto riscontro. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato