Contenuto sponsorizzato

Brucate dai cervi le conifere nate da seme: i problemi per la ricrescita del bosco devastato

Su questo argomento è incentrata la tesi di laurea magistrale in Scienze Agrarie e Ambientali discussa da Francesca Michelon nel mese di dicembre all’Università di Padova
Foto Lineagoticafight di Wikipedia in italiano
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 gennaio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La ricrescita del bosco devastato da eventi meteorici eccezionali è legata allo sviluppo della rinnovazione naturale, ma le piantine nate da seme sono minacciate da brucamento da parte degli Ungulati. Su questo argomento è incentrata la tesi di laurea magistrale in Scienze Agrarie e Ambientali discussa da Francesca Michelon nel mese di dicembre all’Università di Padova.

 

L’area di studio si trova nella Val di Peio ed è parzialmente inserita nel Parco Nazionale dello Stelvio dove si registra la più alta densità di cervi di tutte le Alpi. Nell’arco di mezzo secolo i boschi inclusi nel perimetro prescelto sono stati danneggiati da 5 tempeste di vento. Nelle aree danneggiate è emerso che il 30,6% della rinnovazione mostra danni da brucamento. La percentuale raggiunge il 44,5% all’interno del parco.

 

La massa organica presente sul terreno rappresenta un substrato favorevole allo sviluppo della rinnovazione. Inoltre esso sembra offrire protezione contro il brucamento. Nella parte applicativa della tesi sono contenuti suggerimenti di carattere preventivo e gestionale che potranno risultare validi anche per il ripristino naturale dei boschi colpiti da Vaia.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato