Contenuto sponsorizzato

Ciliegie, per le varietà Kordia e Regina produzione non superiore al 50%, ecco perché

Con riferimento all’Alta Val di Non, il perito agrario Pio Lorenzetti descrive la situazione esistente all’inizio dell’ultima decade di giugno
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 giugno 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La maggior parte dei ciliegi a taglia bassa che si coltiva in Val di Non è situata nella parte alta della valle: Castelfondo, Rumo, Sfruz, Brez, Salobbi e Varano. Il resto si trova nella parte bassa e più precisamente nella zona di Campodenno. Con riferimento all’Alta Val di Non, il perito agrario Pio Lorenzetti descrive la situazione esistente all’inizio dell’ultima decade di giugno.

 

Sulle piante delle varietà Kordia e Regina (la prima ha un anticipo vegetativo di una settimana) non è ancora iniziato il viraggio di colore (invaiatura) che segna l’inizio di un possibile attacco di drosofila. Tutti gli impianti sono protetti da coperture
antipioggia e da rete anti insetto.
Si prevede comunque una produzione non superiore al 50% rispetto ad un’annata normale.

 

La causa è attribuita alle ripetute notti gelide che hanno investito i ciliegi quando le gemme da frutto erano in fase di schiusura. La raccolta inizierà dopo la metà di luglio. Si raccoglierà invece molto prima la varietà Red Giant che è ancora poco rappresentata ed è stata introdotta per consentire al consorzio Melinda di disporre di ciliegie mature in anticipo rispetto a Kordia e Regina.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 agosto - 09:42

E' successo nei giorni scorsi quando alcuni cittadini hanno avvisato la società che gestisce il campo della presenza di una ventina di ragazzi che stavano giocando. Non ci possono essere assembramenti per evitare contagi da covid19 e la società ha deciso di chiudere il campo per una giornata

14 agosto - 10:38

Nella serata di ieri Bolzano e Merano sono stati colpiti ancora una volta dal maltempo. Per oggi la Protezione civile ha emesso un avviso di allerta gialla 

14 agosto - 05:01

Ieri, alle 12 si è aperta la finestra per presentare le Messe a disposizione per le supplenze. A parità di punteggio gli insegnanti verranno selezionati secondo "l'ordine cronologico" di presentazione della domanda. Uil Scuola: "Gli insegnanti sono molto arrabbiati. Pensi ad un insegnante, precario, che ha l'ansia di perdere la cattedra perché magari la sua domanda arriva in ritardo" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato