Contenuto sponsorizzato

Circoncisione letale sulle piante di ailanto

Come e quando conviene intervenire per eliminare o almeno contenere lo sviluppo di piante di ailanto? Dalla tesi di laurea triennale in tecnologie forestali e ambientali di Francesca Michelon dedicata all’ailanto si trovano alcuni elementi di risposta
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 26 aprile 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Come e quando conviene intervenire per eliminare o almeno contenere lo sviluppo di piante di ailanto? Dalla tesi di laurea triennale in tecnologie forestali e ambientali di Francesca Michelon dedicata all’ailanto si trovano alcuni elementi di risposta.

 

Il taglio delle piante e l’eliminazione delle radici non sono sufficienti. Anzi possono risultare pericolosi.

 

Le radici emettono infatti essudati che impediscono la crescita di piante concorrenti ma possono creare irritazioni alla pelle.

 

Si può ricorrere alla cercinatura del fusto che consiste nell’incidere circolarmente il fusto in profondità togliendo un anello di corteccia e tessuto vivo in modo da interrompere il flusso della linfa.

 

Queste operazioni meccaniche non sono però sufficienti e devono essere completate o sostituite dal ricorso all’uso di erbicidi sistemici da effettuare in autunno anche mediante iniezione nel fusto, quando la linfa scende verso le radici. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 10:44

Le indagini sono iniziate con una mail arrivata alla Questura che conteneva alcune foto ritraenti una persona, senza che fosse ripresa in volto ma con indosso un braccialetto di metallo, con una pistola ed un coltello. Niglio: "Fondamentale la collaborazione dell' Università di Trento, che ha consentito alla Squadra Mobile di risalire in tempi rapidissimi all' identità dello studente"

09 marzo - 08:08

Ieri sera il Consiglio di amministrazione di Upipa ha di fatto sfiduciato la presidente Francesca Parolari. All'origine della frattura la mancata comunicazione al Cda del progetto che ha portato alla riapertura delle visite ai famigliari in 5 Rsa. La presidente rivendica l'autonomia delle strutture

09 marzo - 09:34

Altri 9 nuovi casi di variante sudafricana sono stati rilevati in Alto Adige. A comunicarlo è l'Azienda sanitaria altoatesina, che ne annuncia il rilevamento anche nel capoluogo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato