Contenuto sponsorizzato

Quando il verderame veniva preparato alla fontana

I rimedi per difendersi dalla pernospora. Un viticoltore di Lavis ha salvato l'uva Merlot aggiungendo una semplice miscela
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 27 settembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Quando la poltiglia bordolese per la difesa delle viti dalla peronospora si preparava in azienda o vicino alla fontana del paese, il lavoro iniziava già la sera precedente all'intervento. Nell'acqua della botte si metteva un sacchetto contenente il verderame in cristalli che durante la notte si scioglievano. All'indomani il viticoltore aggiungeva alla soluzione di solfato di rame una quantità dosata di calce che serviva per neutralizzare la naturale acidità della poltiglia. Per non eccedere in quantità, l’operatore immergeva nel liquido una cartina al tornasole e in base al colore che la striscia assumeva capiva se la reazione della miscela era acida, neutra o basica. L’acidità la rendeva più aggressiva nei confronti della crittogama, anche se talvolta provocava ustioni sulle foglie. Sullo stesso principio si basa l’idea di un viticoltore di Lavis che è riuscito a salvare l’uva Merlot dalla peronospora aggiungendo alla miscela acquosa di ossicloruro di rame una spruzzata di acido citrico. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 05:01

Nei giorni scorsi è avvenuta la chiusura di Gaudì, uno dei principali negozi di abbigliamento in centro storico a Trento. Ma ci sono anche altre catene, di abbigliamento e arredamento, che potrebbero essere pronte a fare le valige nei prossimi mesi. Massimo Piffer: ''Non dobbiamo abbandonare la piazza, i rapporti umani e i confronti. Abbiamo bisogno di una riprogrammazione urbanistica commerciale''

03 marzo - 20:14

Ecco il quadro odierno del contagio in Trentino. Due i decessi avvenuti in provincia con Covid: si tratta di un uomo e una donna

03 marzo - 19:30

Protagonista di un incidente che sarebbe potuto finire in tragedia, già nel pomeriggio di mercoledì 3 marzo "l'uomo con il carrello" è stato visto a Pergine, città che, nonostante le denunce e gli interventi delle autorità, pare "tenere in scacco". Il sindaco Oss Emer: "Abbiamo provato di tutto. Ci deve essere un buco normativo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato