Contenuto sponsorizzato

Da 51 anni a questa parte è Sergio Baroni il punto di riferimento per vischio, agrifoglio e altri addobbi

Sulla bancarella saranno in vendita 13 tipi di vischio innestati su altrettante specie di pianta: oleandro, rosa, lillà, per citar le più recenti
Dal blog di Sergio Ferrari - 22 novembre 2018 - 20:44

A partire dal 24 novembre Sergio Baroni, già responsabile del verde urbano del Comune di Rovereto, inizierà la vendita prenatalizia di vischio, agrifoglio e altri addobbi vegetali occupando per il 51° anno consecutivo il banchetto situato all’angolo tra Corso Rosmini e via Stoppani.

 

Alcune anticipazioni sulla qualità dell’offerta di quest’anno. L’agrifoglio non è mai stato così bello.

 

Il vischio ha assunto il colore bianco delle bacche a fine ottobre.

 

Sulla bancarella saranno in vendita 13 tipi di vischio innestati su altrettante specie di pianta: oleandro, rosa, lillà, per citar le più recenti. Non è ancora riuscito l’innesto del vischio sull’agrifoglio.

 

A proposito di agrifoglio: le piante coltivate nei due orti giardino di Lizzanella e Lizzana di 2.000 e 3.000 metri quadrati sono circa 150. A portare le bacche rosse sono le piante femminili. Le piante maschili che forniscono polline sono presenti in proporzione di 1 a 20. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 maggio - 12:02

La candidata annuncia una "doppia rivoluzione copernicana'' per un'Unione che veda ''l'Italia protagonista'' e ''al centro l'uomo''. Appello alle donne: ''Siate protagoniste, nonostante i sensi di colpa al femminile''

20 maggio - 11:49

Un cucciolo di orso è stato avvistato lungo la strada statale 45 bis della Gardesana all'altezza del bivio per la provinciale 84 poco lontano dall'abitato di Padergnone. L'arteria è rimasta chiusa diverse ore in attesa dell'arrivo della mamma

20 maggio - 06:01

E' dal 2009 che le coltivazioni di piccoli frutti registrano danni gravi e crescenti per il costante aumento di questo dittero. A fine anno in Svizzera potrebbe partire una sperimentazione che prevede l'utilizzo di un parassitoide per fronteggiare il moscerino della frutta. A Roma un documento si muove lentamente. Dallapiccola: "Avranno preso contatti con il governo 'amico' per accelerare?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato