Contenuto sponsorizzato

Da 51 anni a questa parte è Sergio Baroni il punto di riferimento per vischio, agrifoglio e altri addobbi

Sulla bancarella saranno in vendita 13 tipi di vischio innestati su altrettante specie di pianta: oleandro, rosa, lillà, per citar le più recenti
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 22 novembre 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele. Ha vinto la Penna d'Oro nel 1988

A partire dal 24 novembre Sergio Baroni, già responsabile del verde urbano del Comune di Rovereto, inizierà la vendita prenatalizia di vischio, agrifoglio e altri addobbi vegetali occupando per il 51° anno consecutivo il banchetto situato all’angolo tra Corso Rosmini e via Stoppani.

 

Alcune anticipazioni sulla qualità dell’offerta di quest’anno. L’agrifoglio non è mai stato così bello.

 

Il vischio ha assunto il colore bianco delle bacche a fine ottobre.

 

Sulla bancarella saranno in vendita 13 tipi di vischio innestati su altrettante specie di pianta: oleandro, rosa, lillà, per citar le più recenti. Non è ancora riuscito l’innesto del vischio sull’agrifoglio.

 

A proposito di agrifoglio: le piante coltivate nei due orti giardino di Lizzanella e Lizzana di 2.000 e 3.000 metri quadrati sono circa 150. A portare le bacche rosse sono le piante femminili. Le piante maschili che forniscono polline sono presenti in proporzione di 1 a 20. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 ottobre - 20:26

Dal Centro Sociale Bruno ai sindacati di Cgil, Cisl e Uil, passando per tutto l’arco politico che va dai partiti di sinistra a quelli del centrosinistra-autonomista fino ad arrivare al movimento di Fridays for Future. È una manifestazione variegata e colorata quella andata in scena oggi a Trento in sostegno del popolo curdo

16 ottobre - 17:00

Un detto ladino che compare sulle bustine dello zucchero in val di Fassa e sul quale si trova anche il marchio della locale Azienda per il turismo. Detti che però ritornano a far discutere e diventano virali sui social per l'indignazione di diverse persone in modo trasversale

16 ottobre - 18:26

La Regione Veneto è intervenuta con un comunicato spiegando che la predazione è avvenuta perché ''l'energia erogata era assente o insufficiente, la recinzione era appoggiata al guard-rail quindi la corrente scaricava a terra, l'altezza era insufficiente (70/80 centimetri), non seguiva l'andamento del terreno, vi erano aperture di 30/40 centimetri''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato