Contenuto sponsorizzato

Danni da corvi nei campi di mais

In Trentino vivono due tipi di cornacchia: nera e grigia. Il seme di mais è tra i cibi preferiti dalle cornacchie sia appena seminato e in fase di emergenza sia quando è vicino alla maturazione sulle pannocchie
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 27 marzo 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il seme di mais è tra i cibi preferiti dalle cornacchie sia appena seminato e in fase di emergenza sia quando è vicino alla maturazione sulle pannocchie.

 

Danni notevoli sono denunciati dai dirigenti della Cooperativa Agri ’90 di Storo che da anni legano parte dei risultati economici al mais nostrano da polenta.

 

In Trentino vivono due tipi di cornacchia: nera e grigia. Appartengono alla stessa specie denominata Corvus Corone.

 

La presenza di discariche ha incrementato il loro numero anche nei centri urbani. Fino a 20 anni fa la Bayer produceva un prodotto repellente denominato Morkit che è stato eliminato.

 

Oggi l’industria degli agrofarmaci mette a disposizione un prodotto in polvere chiamato Master Seed con il quale si mescola il seme prima dell’interramento.

 

Rispondendo ad una lettera di sollecito a intervenire, l’assessore provinciale all’agricoltura Michele Dallapiccola ha precisato che fino al 2020 è consentita la cattura gestita dai cacciatori sotto il controllo dei Forestali.

 

Nel frattempo l’Ispra raccoglierà elementi conoscitivi sul territorio trentino per formulare proposte di contenimento dei corvidi articolate per singole zone. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 19:51

Sono 250 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 37 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 2 decessi, ma si aggiungono le 30 vittime in Rsa. Sono 47 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

24 gennaio - 17:45

Sale il numero dei pazienti in ospedale, stabile quello delle terapie intensive. Altri 2 decessi. Sono state registrate 7 dimissioni e 39 guarigioni nelle ultime 24 ore

24 gennaio - 17:44

Una tragica dimenticanza, un vuoto comunicativo che aggiorna ulteriormente il difficile bilancio dell'emergenza coronavirus in Trentino. Oggi il report riporta di altri 2 decessi, ma il totale sale a 726 vittime nella seconda ondata di Covid-19 e si porta a 1.196 morti da inizio epidemia a seguito di una verifica interna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato