Contenuto sponsorizzato

E' fermo il mercato del legname schiantato dalla tempesta Vaia. In Germania è disponibile materiale in grande quantità per i devastanti eventi meteo degli ultimi due anni

Dal Servizio foreste e fauna della Provincia di Trento si apprende che a fine anno 2019 dei 4 milioni di metri cubi di legname abbattuti da Vaia, 2 milioni erano stati venduti, ma solo 1 milione di metri cubi era stato portato a strada
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 19 marzo 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il mercato del legname schiantato dal tempesta Vaia venduto attraverso le aste on-line gestite dalla Cciaa di Trento è praticamente fermo.

 

Lo afferma Claudio Maurina agronomo libero professionista che collabora con l’ente camerale nella gestione delle aste.

 

Da 2 mesi, dice Maurina, si effettuano solo aste di piccole dimensioni. Le segheria sono piene di legname acquistato nei Paesi del nord Europa, soprattutto in Germania dove sono disponibili montagne di legname abbattuto da eventi meteo devastanti che si sono verificati negli ultimi due anni.

 

Dal Servizio foreste e fauna della Provincia di Trento si apprende che a fine anno 2019 dei 4 milioni di metri cubi di legname abbattuti da Vaia, 2 milioni erano stati venduti, ma solo 1 milione di metri cubi era stato portato a strada.

 

Mancano informazioni sul legname atterrato dalla tempesta nei boschi di piccoli proprietari che potrebbero avere già venduto il loro carico.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 20:28

Da qualche giorno appare chiaro che sommando i positivi trovati con i molecolari e gli antigenici il Trentino appare in linea (anzi con dati peggiori come per altro sui decessi e le terapie intensive) con l'Alto Adige. Ieri i positivi ''reali'' erano circa 520 (a fronte dei 156 comunicati in conferenza stampa) e sabato erano circa 800 (a fronte dei 219 di Fugatti e Segnana). Da domani anche la Pat dovrebbe fornire i dati completi uniformandosi alla vicina provincia di Bolzano

02 dicembre - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

02 dicembre - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato