Contenuto sponsorizzato

E' tempo di gerani in vaso, ma la legge per l'abbellimento in zone turistiche è al palo

Giova ricordare che una legge presentata dal consigliere provinciale Marino Simoni nel 2016 e votata all’unanimità non è stata finora resa operativa
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 09 aprile 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

A metà aprile le aziende floricole del Trentino inizieranno a vendere i gerani in vaso che sono in coltivazione da due mesi. Partiranno per prime le aziende del fondovalle. A distanza di 10-15 giorni affronteranno la vendita quelle situate a media o alta quota.

 

Queste ultime hanno il vantaggio di servire più delle prime alberghi e case di soggiorno frequentate da turisti.

 

Giova ricordare che una legge presentata dal consigliere provinciale Marino Simoni nel 2016 e votata all’unanimità non è stata finora resa operativa. Prevedeva, tra l’altro, la promozione dell’abbellimento floreale in zone turistiche e la creazione di sentieri di montagna che ospitano fioriture naturali di particolare bellezza.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

18 gennaio - 19:13

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 14 decessi di cui 9 in ospedale

18 gennaio - 17:39

Le Stelle alpine prendono in considerazione l'ultima analisi di Bassi, il quale ha esaminato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss. La lettera del segretario politico del Patt: "Il governo della Provincia è in qualche modo responsabile del ritardo nella comunicazione dei dati a Roma? E se così non fosse cosa intende fare, presidente Fugatti, per correre ai ripari e ripristinare la verità?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato