Contenuto sponsorizzato

Febbre del Nilo, controlli anche in Trentino

Non sono chiamate in causa la zanzara tigre e neppure la zanzara coreana. Nel 2018 il ministero della salute ha attivato un piano nazionale di monitoraggio affidato ai Servizi veterinari e forestali di tutte le regioni o province d’Italia
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 04 aprile 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele. Ha vinto la Penna d'Oro nel 1988

La febbre del Nilo è una malattia da virus che colpisce i cavalli e gli uccelli selvatici ma può essere trasferita all’uomo tramite le punture di alcune specie di zanzare appartenenti al genere Culex.

 

Non sono chiamate in causa la zanzara tigre e neppure la zanzara coreana. Nel 2018 il ministero della salute ha attivato un piano nazionale di monitoraggio affidato ai Servizi veterinari e forestali di tutte le regioni o province d’Italia.

 

Il piano ha coinvolto anche il Trentino ed è stato prorogato al 2019. I medici veterinari dei cinque distretti operanti in provincia di Trento eseguono controlli a campione sui cavalli.

 

Agli addetti del Servizio foreste e fauna che operano sul territorio è invece affidato il compito di consegnare all’Istituto zooprofilattico di Trento eventuali uccelli trovati morti che fungono da serbatoio del virus. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 19:32

Durante il confronto di Porta a Porta tra i due Matteo, l'ex premier ha fatto una battuta che però, a distanza di una settimana, ha dato luogo a una presa di posizione di Enrico Faes: "Fare Pro Loco è una delle poche strade rimaste per garantire la generazione di una classe politica seria e consapevole". Conzatti: "Quelle di Renzi parole che in alcun modo vogliono o devono risultare offensive"

22 ottobre - 19:42
Le polemiche per la presenza sul palco dei simboli della Lega-Salvini premier alla manifestazione organizzata a Roma sembrano superate e archiviate. Si segue il concetto di squadra, un'idea rilanciata dai leader delle tre forze politiche di centrodestra, Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia
22 ottobre - 19:46

Il 3 novembre al Polivalente di Bedollo verrà eseguita per la prima volta la canzone creata per ricordare e provare ad evitare il disastro ambientale. Un progetto del Centro Aggregazione Appm e Rock'n'Pinè ha costruito un testo a più voci durante un anno di incontri. Sul palco, per realizzare anche il video, si esibiranno 20 musicisti, quattro cori e una banda. Ma non è un guinnes. E' la voglia di svegliare le coscienze, l'impegno singolo e quello collettivo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato