Contenuto sponsorizzato

Funghi che attaccano le radici dei castagni

Ogni anno, dice l’esperto, in qualche zona del Trentino si assiste allo sradicamento di piante secolari. Ecco come si può intervenire
Foto Wikipedia Salvatore Migliari
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 luglio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Lo stato di salute dell’apparato radicale e della zona del colletto delle piante di castagno da frutto è sempre stato trascurato, perché l’attenzione di tecnici e castanicoltori era concentrata, non senza motivo, sulla parte aerea colpita da cancro rameale, vespa galligena e cidia.

 

Lo afferma il perito agrario Antonio Girardelli, castanicoltore della zona di Besagno. Ogni anno, dice l’esperto, in qualche zona del Trentino si assiste allo sradicamento di piante secolari.

 

Si può intervenire in sede preventiva trattando la zona del colletto e la parte superficiale dell’apparato radicale con fertilizzanti arricchiti da micorrize e funghi antagonisti, cioè che contrastano lo sviluppo di marciumi provocati da funghi patogeni.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Sport
20 June - 17:00
Mentre in Italia da qualche ora si celebra il mister della nazionale del Paese di Orban in Germania ci si prepara all'ennesimo gesto plateale per [...]
Cronaca
20 June - 15:48
L'allerta è scattata in località Pianerotto sul monte Cecilia lungo il percorso della Monselice in rosa nel padovano. La 53enne elitrasferita [...]
Politica
20 June - 14:29
Sul palco della manifestazione “Prima l'Italia”, insieme al leader del Carroccio Matteo Salvini e agli altri governatori leghisti, il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato