Contenuto sponsorizzato

Funghi che attaccano le radici dei castagni

Ogni anno, dice l’esperto, in qualche zona del Trentino si assiste allo sradicamento di piante secolari. Ecco come si può intervenire
Foto Wikipedia Salvatore Migliari
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 luglio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Lo stato di salute dell’apparato radicale e della zona del colletto delle piante di castagno da frutto è sempre stato trascurato, perché l’attenzione di tecnici e castanicoltori era concentrata, non senza motivo, sulla parte aerea colpita da cancro rameale, vespa galligena e cidia.

 

Lo afferma il perito agrario Antonio Girardelli, castanicoltore della zona di Besagno. Ogni anno, dice l’esperto, in qualche zona del Trentino si assiste allo sradicamento di piante secolari.

 

Si può intervenire in sede preventiva trattando la zona del colletto e la parte superficiale dell’apparato radicale con fertilizzanti arricchiti da micorrize e funghi antagonisti, cioè che contrastano lo sviluppo di marciumi provocati da funghi patogeni.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 18:21

E' grande il cordoglio in Trentino per la scomparsa di una figura di primo piano per il territorio, un grande impegno che l'ha portato a essere insignito del titolo di "Maestro del lavoro" nel 2007

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato