Contenuto sponsorizzato

Gli olivocoltori hanno posizionato 35 mila trappole per catturare la mosca delle olive

I tipi di trappola sono diversi. Quest’anno la novità è rappresentata dal modello denominato Flypack dacus trap che ha ottenuto l’autorizzazione definitiva alla produzione e alla vendita
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 agosto 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Gli olivicoltori dell’Alto Garda hanno ritirato dalla Società agraria o da altre fonti di rifornimento circa 35.000 trappole per la cattura della mosca delle olive.

 

I tipi di trappola sono diversi. Quest’anno la novità è rappresentata dal modello denominato Flypack dacus trap che ha ottenuto l’autorizzazione definitiva alla produzione e alla vendita.

 

Si distingue dagli altri modelli perché l’attrattivo alimentare, il feromone e l’insetticida di contatto (deltametrina) sono posti all’interno della trappola.

 

Questo comporta una maggiore durata di efficacia nel tempo che in etichetta è garantita 6 mesi.

 

Sarà così possibile, dice il tecnico Franco Michelotti, impiegarla già nei primi mesi della stagione per catturare le mosche sopravissute dall’anno precedente.

 

Il costo delle trappole rimane a carico degli olivicoltori.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Sport
13 giugno - 19:42
"Non ho avuto un momento di svolta. Per me l'atleta "forte" è quello che vince i Mondiali o le Olimpiadi. In quel caso sì, chi vince può dire di [...]
Ricerca e università
13 giugno - 18:44
Secondo il rapporto 2024 di AlmaLaurea, sette studenti su dieci si laureano in corso e nove su dieci si dichiarano soddisfatti [...]
Cronaca
13 giugno - 17:53
Piazza Dante replica ai dubbi di Lav, Lndc Animal Protection e Wwf Italia, che hanno denunciato in mattinata come la Provincia di Trento avesse [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato