Contenuto sponsorizzato

I corsi d'acqua del Trentino ripopolati di trote con avannotti

L’operazione è molto delicata, dice Leonardo Pontalti ittiologo dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 06 maggio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele. Ha vinto la Penna d'Oro nel 1988

Durante il mese di aprile le associazioni di pescatori dilettanti che operano in Trentino e dispongono di incubatoio e vasche di allevamento hanno proceduto al ripopolamento di trota marmorata e trota fario nei corsi d’acqua di competenza utilizzando avannotti della lunghezza di 1,5 centimetri. ancora provvisti del sacco vitellino che hanno attaccato al ventre e dal quale traggono parte del nutrimento.

 

L’operazione è molto delicata, dice Leonardo Pontalti ittiologo dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento.

 

La temperatura dell’acqua nelle vasche di allevamento e nel corso d’acqua da ripopolare deve essere più o meno uguale: 10-12 gradi per evitare uno stress termico.

 

Gli avannotti devono essere immessi nelle zone di acqua bassa nella misura di 1-5 esemplari a metro quadrato.

 

Se liberati in acqua fonda, vengono mangiati dalle trote grandi.  

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 19:21

Fototrappolato dal forestale Tommaso Borghetti pochi giorni fa sui Lessini il maschio alfa giunto dalla Slovenia e unitosi alla femmina alfa (li si riconosce perché alzano la zampa entrambi per segnare il territorio GUARDA I VIDEO) nel 2012 spiega come la dispersione sia il segreto del successo di questi animali. ''Uno dei suoi figli nati sulle nostre montagne è stato avvistato in Slovenia. Ha fatto il percorso inverso a lui, mentre una femmina, sempre slovena, è arrivata a Paneveggio''

20 ottobre - 18:50

I sinistri a catena si sono verificati all'altezza dello svincolo che dalla strada che da Dermulo va verso Sanzeno gira per Coredo

20 ottobre - 16:05

L'uomo, un 35enne del Centro Italia, andava spesso in Val Rendena in vacanza. Poi si armava di zainetto e scarpe da trekking e invece che andare per funghi o mirtilli raggiungeva le sue piante di cannabis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato